Bonus, restano poche ore: attenzione massima scadenza, verifica documenti

Siamo in vista della fine del 2022 e con essa della fine di molti bonus con una certa data di scadenza. A meno che il nuovo Governo non li rinnovi con una decisione dell’ultimo momento, questi due mesi potrebbero essere l’ultima occasione disponibile per ottenere aiuti statali che altrimenti andrebbero persi per sempre.

Con il cambio di legislazione e la fine dell’anno troveranno la loro fine anche alcuni bonus che hanno caratterizzato il 2022. Alcuni non verranno prorogati anche per il prossimo anno, altri ancora verranno rivisti alla luce dei recenti avventimenti e dei cambi di priorità. Questo significa che tutti coloro che non si attiveranno nei prossimi mesi potrebbero perdere molti aiuti di stato importanti per risparmiare.

I bonus che finiranno nel 2023
Foto ANSA

A darci la panoramica di questi cambiamenti è la scadenza per la presentazione della Legge di Bilancio. Con essa verranno stanziati i fondi per gli interventi dello Stato del prossimo mese. I budget dei diversi progetti del nuovo Governo hanno ancora bisogno di alcune discussioni, ma è plausibile che non tutto rimarrà così com’è anche l’anno prossimo.

Governo Meloni, quali bonus restano e quali spariscono

Il primo bonus importante a sparire sarà il Superbonus 110%, che cambierà radicalmente forma rispetto a come lo conosciamo. In primis l’aliquota non sarà più del 110%, ma di un semplice 60% o 70%, tagliando completamente la dicitura “Super” dal bonus per la casa. A rimanere nell’ordinamento sono invece gli altri bonus casa, in particolare il bonus ristrutturazione, il bonus verde e l’ecobonus, che il Governo Meloni ha riconfermato attivi fino al 2024.

Non si hanno ancora notizie di una possibile conferma per il 2023 del bonus facciate, in scadenza alla data del 31 dicembre 2022, mentre il bonus acqua rimane attivo almeno fino alla fine del prossimo anno. Il 31 dicembre di quest’anno scade anche il bonus TV per l’acquisto di un televisore o di un decoder di ultima generazione. Questo bonus in particolare è molto importante, visto che i canali principali sono passati al nuovo metodo di sintonizzazione, quindi non possono più essere visti con vecchi dispositivi.

Giancarlo Giorgetti, Ministro dell’Economia
Foto ANSA

Scadono definitivamente, invece, due importanti bonus per la famiglia: il bonus asilo e il bonus bebé, che non potranno più essere richiesti a partire dal 1 gennaio 2023. Anch’essi vengono inglobati nel macro-bonus che è l’assegno unico per i figli, che sostituisce definitivamente tutti i bonus per la famiglia precedentemente attivi.