Moto: finalmente puoi guidarla senza patente, oggi basta un semplice documento, grande gioia

Cambia davvero tutto per quello che riguarda le moto e vediamo che cosa sta succedendo.

Grazie ad una profonda riforma per prendere la patente moto non occorrerà più dare il famoso esame ma vediamo come funziona ora.

I Love Trading

Per i motociclisti è in atto una vera e propria rivoluzione perché la nuova patente funziona in un modo completamente diverso.

Il vecchio esame pratico non serve più

Il vecchio esame pratico sostanzialmente non servirà più. Come sappiamo per guidare la moto senza alcun limite di cilindrata serve la patente A3.

Pixabay

Ma ora per avere la patente A3 basterà frequentare un corso di 7 ore e non ci sarà più bisogno dell’esame pratico. Infatti l’esame pratico spesso ha messo in difficoltà chi voleva il prezioso lascia passare per guidare la moto. Ma vediamo come funziona adesso la normativa. In sostanza chi è già in possesso della patente A1 e A2 potrà non aver bisogno di sostenere l’esame pratico per prendere la patente A3.

Oggi per guidare le moto diventa tutto più facile: le cose da sapere

La prima patente è conseguibile dai 16 anni. La seconda patente è conseguibile dai maggiorenni e permette di guidare motocicli di potenza massima 35 kW. Quindi chi è in possesso di una di queste due patenti adesso dovrà frequentare un corso di 7 ore presso una scuola guida autorizzata e così potrà avere anche la patente A3. La novità vera sostanzialmente è quella che non servirà più l’esame pratico ma attenzione alle multe.

Attenzione alle sanzioni: aumentano tanto e i motociclisti sono nel mirino

Infatti le sanzioni del codice della strada rischiano di aumentare pesantemente dall’anno prossimo. Infatti molti esperti del settore stanno sottolineando che il governo avrebbe intenzione di rapportare le multe stradali sia per le auto che per le moto alla tremenda inflazione che oggi si attesta al 12%. Quindi anche se oggi prendere la patente diventa molto più facile e molto più veloce, questo non significa che non bisogna rispettare il codice della strada o che bisogna essere superficiali perché anzi proprio dall’anno prossimo le sanzioni rischiano di essere molto più pesanti e molto più penalizzanti. Non è sicuro che le sanzioni saranno tutte aumentate del 12%, ma molti ritengono che questo possa effettivamente essere possibile. Come sappiamo le forze dell’ordine prestano una particolare attenzione ai motociclisti. Spesso infatti c’è il preconcetto che il motociclista possa essere più spericolato e quindi più facilmente le forze dell’ordine lo tengono d’occhio.