Pensioni: nuovo servizio INPS per capire quanto costa riscatto anni di studio

Pensioni. Nuovo servizio INPS per chi vuole conoscere i vantaggi, e i relativi costi, del riscatto degli anni dedicati allo studio. 

Pensioni. Per chi l’ha raggiunta dopo una vita di lavoro e per chi è sul punto di agguantarla sperando che all’ultimo momento non gli cambino le regole e tutti salti clamorosamente. E poi per chi la pensione la intravede, la immagina o la sogna come un assetato sogna un’oasi in mezzo al deserto.

Pasquale Tridico
Pensioni nuovo servizio INPS (I Love Trading)

Passano gli anni anni e costoro la pensione la vedono sempre più come un miraggio che tende a scomparire. Il lavoro intervallato a periodi di disoccupazione rendono tremendamente difficile il raggiungimento del numero minimo di anni di contribuzione. Ed allora si pensa ad alcune integrazioni…

Pensioni, nuovo servizio INPS

Le vie della pensione sono infinite, basta conoscerle e percorrerle. Gli ultimi decenni sono stati segnati da gravi e prolungate crisi economiche che hanno avuto come drammatica conseguenza la perdita di milioni di posti di lavoro in tutto il mondo. La pensione, per tanti è davvero un miraggio quasi irraggiungibile. Nel corso degli anni sono cambiate le regole per l’uscita dal mondo del lavoro ma nonostante ciò le difficoltà rimangono.

La difficoltà maggiore è quella di raggiungere il numero richiesto di anni contributivi. Situazioni come la maternità possono far sì che l’attività lavorativa subisca un’interruzione, con la conseguenza di un vuoto contributivo. Proprio per rispondere a tale esigenza il legislatore consente al lavoratore di poter recuperare quei periodi di contribuzione rimasti scoperti con i cosiddetti contributi figurativi. Tali contributi fanno riferimento ad alcuni periodi tassativamente previsti dalla Legge nei quali il lavoratore ha dovuto sospendere il lavoro.

Un’inabilità temporanea può portare un lavoratore ad ottenere ben 22 mesi di contributi gratis. Oltre i contributi figurativi vi sono anche altre maniere per “guadagnare” altri anni di contributi. Vediamo quali.

Gli anni di studio

Per recuperare anni importanti a livello contributivo molti lavoratori possono riscattare determinati periodi che sono rimasti scoperti dalla contribuzione pagando un onere di entità variabile. Ma chi può effettuare tale riscatto? Possono effettuare tale riscatto i lavoratoti iscritti all’Assicurazione Generale Obbligatoria o ad una delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi. Tra le principali forme i riscatto rientra quello del corso universitario di studi. Ma quanto costa? Adesso l’INPS è pronta a darci una risposta definitiva.

Il messaggio dell‘INPS n.4 681/22 informa della nascita di un nuovo servizio online in ausilio degli utenti che vogliono avere informazioni più dettagliate riguardo il riscatto della laurea ai fini poi della pensione. Tutti possono accedere al servizio senza utilizzare credenziali d’accesso. L’accesso può avvenire tramite PC, tablet o cellulare. Il servizio è accessibile sul sito dell’INPS accedendo alla sezione Prestazioni e Servizi e selezionando la voce Servizi e poi Riscatto della Laurea per fini pensionistici – Simulatore.

Laureati
Pensioni nuovo servizio INPS (I Love Trading)

All’utente basterà inserire pochi dati per ricevere informazioni dettagliate sulle diverse tipologie di riscatto di laurea disponibili e sui vantaggi fiscali che potrebbero derivare dal pagamento dell’onere. Il servizio offre perfino una simulazione riguardante gli eventuali costi, la rateizzazione e il beneficio pensionistico stimato dopo il relativo pagamento. Cosa non si fa per raggiungere la pensione, quella sporca ultima meta per un numero sempre crescente di lavoratori.