Con la novità dimenticare di pagare il bollo auto è facile: ecco cosa rischi e come metterti a posto

Attento perchè ora potresti avere il bollo auto scaduto e non saperlo. Cosa controllare subito e quanto costa metterti in regola.

Il bollo auto è una delle tasse più particolari e odiate dagli italiani. Il bollo non ha una scadenza che vale per tutti. La data in cui questo balzello deve essere pagato è rapportata al mese di immatricolazione. Ma bisogna tenere presente che si tratta di una tassa regionale e quindi valgono regole diverse in ogni parte d’Italia.

 bollo scaduto i rischi
Attenzione al bollo scaduto – ilovetrading

Se una macchina è stata immatricolata a maggio il bollo deve essere pagato entro la fine di giugno. Se non si paga il bollo auto entro i termini le conseguenze sono gravi: arrivano sanzioni e interessi che aumenteranno proporzionalmente a passare del tempo e a partire dal primissimo giorno.

Quanto costa il ritardo

La sanzione è soltanto dello 0,1% per ogni giorno di ritardo ma questo vale fino a quattordicesimo giorno. Da questo al trentesimo giorno la sanzione diventa dell’1,5%. Fino ai 90 giorni la sanzione sarà del 1,67%, ma se si arriva ad un anno la sanzione prevista è al 3,75%. Superati due anni si calcola il 30% . Ma ad un certo punto il mancato pagamento della tassa si trasforma in una cartella esattoriale. Qui tutto diventa più grave perché se non si paga la cartella esattoriale c’è il fermo amministrativo dell’auto oppure il pignoramento dei beni. Ma proprio quest’anno, grazie al governo Meloni, per i bolli non pagati può arrivare la possibilità dello stralcio.

Come non pagare grazie alla rottamazione

La rottamazione quater prevista dal governo Meloni può essere l’occasione buona per non pagare le vecchie multe stradali. Ma bisogna tenere presente che come le multe stradali il bollo è un pagamento di competenza locale,  quindi lo stralcio è sempre legato alla decisione della regione di residenza.

Attenzione al bollo scaduto
Bollo scaduto ecco cosa rischi – ilovetrading.it

Se la regione di residenza ha accettato lo stralcio delle cartelle che nascono dai bolli non pagati si potrà non pagare. Ma se la regione non ha accettato lo stralcio, ecco che la cartella nata dal bollo non pagato si dovrà pagare per evitare le cosiddette ganasce fiscali alla propria autovettura.

E’ utile ricordare che in tante regioni italiane se si paga il bollo con la domiciliazione sul conto corrente postale oppure bancario si ha uno sconto del 15%. Ma ci sono anche alcune auto che il bollo non lo pagano proprio: sono le auto elettriche, le auto coperte dalla legge 104 e le auto d’epoca.

Impostazioni privacy