Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Assegno fino a 630 euro al posto del reddito di cittadinanza: i nuovi importi per 18 mesi e rinnovo per altri 12 mesi

Foto dell'autore

Marina Nardone

Dopo il termine del Reddito di Cittadinanza, è in arrivo un ulteriore aiuto che avrà durata di 18 mesi e il cui importo è 630 euro. 

Molti sono i malcontenti al temine del Reddito di Cittadinanza. Sappiamo infatti che il beneficio è stato erogato per l’ultima volta nel mese di luglio e da allora sono milioni gli italiani che si sono trovati di fronte a degli enormi cambiamenti. Infatti, coloro che hanno percepito il sussidio proposto dal Movimento 5 Stelle, potranno presto utilizzare delle misure alternative.

Il sussidio dopo il Rdc
Assegno di 630 euro a chi spetta?- Ilovetrading.it

Ma di quali altre misure di tratta? Qual è la cifra che spetta a coloro che fino ad oggi hanno potuto godere del beneficio del Reddito di Cittadinanza? Sono queste domande a cui vogliono trovare risposta le famiglie di italiani che hanno ricevuto la comunicazione dell’INPS riguardo alla fine del sussidio. Per fortuna, a favore di questi ultimi sono stati realizzati degli aiuti alternativi che li porterà a non disperarsi. Nel caso in cui siano presenti alcuni requisiti in particolare, possono beneficiare di due sussidi differenti tra cui l’assegno di inclusione e il Supporto per la Formazione e il Lavoro.

L’assegno che sostituisce il Reddito di cittadinanza

Coloro che hanno un’età tra 18 e 59 anni potranno quindi ottenere il Supporto per la Formazione e il Lavoro. Si tratta di un qualcosa che interessa quelle famiglie al cui interno non è presente  un minore, un disabile o un soggetto over 60. Si tratta di un sussidio di 350 euro al mese e che può essere valido solo per un anno.

Chi ottiene il sussidio di inclusione
Chi ha diritto all’Assegno di inclusione a partire da gennaio 2024? – ilovetrading.it

Nei nuclei al cui interno ci sono minori, disabili oppure over 60, il Reddito di Cittadinanza continuerà ad essere attivo fino a fine anno. Dal mese di gennaio del 2024 verrà però sostituito con l’Assegno di inclusione. Ecco cosa possiamo leggere all’interno dell’articolo 3 del dl n. 48 del 4 maggio 2023:

“Il beneficio economico dell’Assegno di inclusione, su base annua, è composto da una integrazione del reddito familiare, come definito nel presente decreto, fino alla soglia di euro 6.000 annui, ovvero di euro 7.560 annui se il nucleo familiare è composto da persone tutte di età pari o superiore a 67 anni ovvero da persone di età pari o superiore a 67 anni e da altri familiari tutti in condizioni di disabilità grave o di non autosufficienza, moltiplicata per il corrispondente parametro della scala di equivalenza”.

Per l’Assegno di inclusione, l’importo è pari a 500 euro al mese a cui verrà aggiunto un contributo di 280 euro in caso di contratto di affitto. Le famiglie composte da soggetti la cui età minima è di 67 anni, otterranno un contributo pari a 630 euro. In questo caso l’integrazione per l’affitto sarà di 150 euro. È bene sapere che l’Assegno di inclusione non può essere inferiore a 480 euro e che verrà concesso per 18 mesi con una proroga di altri 12 mesi.

Gestione cookie