Libretto di risparmio Postale, cosa sapere prima di aprirne uno

Per gerstire i propri risparmi, moltissimi italiani optano per il classico libretto di risparmio postale. La versione smart è oggi la più richiesta. Ecco perché.

Con il libretto di risparmio postale si ha diritto uno strumento finanziario garantito dallo Stato Italiano, emesso da Cassa depositi e prestiti S.p.A. e sul mercato da più di un secolo. Poste Italiane ha infatti cominciato a proporli ai suoi clienti nel lontano 1875. I libretti sono disponibili in diverse tipologie, e offronto quindi risposte ad hoc per differenti esigenze.

Risparmi al sicuro con il libretto postale
Perché aprire un libretto postale ordinario o smart – ilovetrading.it

Con questo prodotto è possibile versare e prelevare, in certi casi accreditare stipendio o pensione e, in generale, conseravare al sicuro i propri risparmi. La forma dematerializzata, ovvero il libretto postale smart, altro non è che una versione digitale del libretto ordinario: uno strumento che può essere gestito completamente online.

Tramite app, l’utente può gestire i propri risparmi e tenere traccia di tutte le operazioni effettuate, come i depositi o i prelievi. Il libretto smart può essere aperto, da persone maggiorenni, anche online, tramite il sito poste.it o l’app BancoPosta, esclusivamente monointestato in forma dematerializzata.

Ed è sempre gestibile in modalità completamente digitale dall’area privata su poste.it e l’app Bancoposta. Sul Libretto è possibile versare anche piccoli importi. Le somme depositate sono sempre disponibili. Non ci sono molti limiti: è possibile versare in contanti o tramite assegni, siano essi bancari, bancari circolari, postali, vaglia ordinari e circolari o postali vidimati.

Perché aprire un libretto postale: i vantaggi

Con la carta associata al libretto smart si possono effettuare versamenti sul libretto presso tutti gli uffici postali. Inoltre, presso tutti gli uffici postali e gli sportelli automatici (ATM) del circuito Postamat si possono prelevare i contanti. Si può anche controllare il saldo e la lista movimenti.

Risparmi al sicuro con i libretti postali
Libretto postale, lo strumento finanziario che privilegia il risparmio – ilovetrading.it

I libretti nominativi ordinari e smart riconoscono un tasso di rendimento dello 0,001% annuo lordo, mentre il libretto nominativo speciale dedicato ai minori di età offre un tasso annuo lordo dello 0,01%.

Un tempo, forse, aprire un libretto di risparmio era un vero e proprio investimento: lo si faceva anche per guadagnare. Oggi non è più così, considerando il basso livello dei tassi di interesse. Lo strumento funziona più come salvadanaio.

Il libretto postale smart è comodo perché non ha costi di apertura, di chiusura né di gestione. Gli unici costi sono le tasse al 26% sugli interessi maturati e l’imposta di bollo di 34,2 euro per i libretto con giacenza media superiore ai 5.000 euro.

In generale si può versare denaro sul libretto in contanti, tramite assegno bancario, tramite bonifico bancario e tramite girofondo da un conto Bancoposta. I dipendenti pubblici possono anche accreditare sul libretto il loro stipendio, così come i pensionati INPS e INPDAP possono accreditare le loro pensioni.

Il libretto nominativo Smart cessa di essere fruttifero in caso di saldo pari o inferiore ad € 250,00 (duecentocinquanta) e in assenza di movimenti nei cinque (cinque) anni successivi all’ultima operazione annotata.

Poste Italiane propone varie offerte per l’apertura di nuovi libretti o dedicate a chi ha già dei libretti smart. Per esempio c’è l’offerta supersmart Premium 270 giorni attivabile entro il 6 settembre 2023, che permette di ottenere un tasso del 3,50% annuo lordo a scadenza sulla Nuova Liquidità accantonata. Per aderire all’offerta Supersmart Premium 270 giorni bisogna versare nuova liquidità e richiedere l’attivazione dell’offerta.

Impostazioni privacy