Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Aspetta a pagare queste multe: forse non devi farlo, controlla bene i requisiti

Foto dell'autore

Giulia Belotti

Massima attenzione, quando si prende una multa. Se sussistono questi requisiti, allora non la si deve pagare assolutamente: ecco quali sono.

Può capitare a tutti di prendere una multa. Basta infatti non accorgersi della presenza di un autovelox e schiacciare un po’ troppo il pedale dell’acceleratore, far scadere il biglietto del parcheggio o non impostare il disco orario per vedersi recapitare a casa un verbale con una bella sanzione salata. In alcuni casi, però, non va pagata: ecco quando.

Multa, attento a queste: non le devi pagare
Multa, attento a queste: non le devi pagare, ecco perché. Non sbagliare (ilovetrading.it)

Quando veniamo fermati ad un posto di blocco in flagranza di reato, di fatto abbiamo ben poca possibilità di uscirne indenni. In alcune situazioni, però, possiamo trovarci nella condizione di poter non pagare la multa: ecco tutto quello che c’è da sapere.

Hai preso una multa? Puoi non pagarla, se…

Il concetto da comprendere per capire quando si può non pagare una multa è quello di prescrizione. Secondo l’articolo 209 del Codice della Strada, la prescrizione scatta a partire dal quinto anno dopo l’ultima notifica ricevuta. Quando si commette una violazione del Codice, quindi, se entro sessanta mesi non arriva alcuna notifica, avviso o sollecito, non c’è da pagare nessuna multa. Se però c’è una notifica, ogni volta che si riceve un sollecito di pagamento di fatto il conteggio dei 60 mesi torna a zero.

Multa, attento a queste: non le devi pagare
Multa, attento a queste: non le devi pagare, ecco perché. Non sbagliare (ilovetrading.it)

C’è poi un’altra categoria di prescrizione, quella dei novanta giorni. Se, commessa un’infrazione, questa non viene notificata entro questo tempo, il soggetto può richiederne l’annullamento: la data da tenere in considerazione è sempre e solo quella nella quale si è commesso il reato. Per ottenere l’annullamento, quindi, serve che il verbale arrivi oltre i 90 giorni e che il ricorso venga fatto dopo tale periodo di tempo (o dopo i cinque anni, nel caso precedente).

Ci sono poi altre situazioni nelle quali si può contestare una multa. Una è quella della presenza di errori nel verbale, quindi per esempio giorno e orario errati, targa scorretta o verbale incompleto. In questo caso, anche se rispetta i limiti di tempo la si può impugnare per richiedere l’annullamento. Per fare ricorso ci si deve rivolgere al giudice di pace o al prefetto: in questo secondo caso, si può fare appello entro 2 mesi dalla ricezione del verbale, presentando la domanda in Prefettura. La richiesta è gratuita. Se ci si rivolge al giudice di pace, invece, si deve inoltrare il ricorso entro 30 giorni dalla data di notifica; in questo caso, ci sono però dei costi che variano in base all’importo della multa.

Impostazioni privacy