La classifica degli attori più pagati di Hollywood, ma i loro film non escono al cinema

Al quinto posto abbiamo Leonardo DiCaprio. Per il film Netflix Don’t Look Up ha introitato ben 30 milioni di dollari. E questa classifica inizia col colosso dello streaming. Se siete sorpresi che al quinto posto ci sia una pellicola che non ha il suo focus sulla sala, vedrete cosa c’è dopo. 

Partiamo con due pesi massimi dell’attuale star system sempre molto amati dal pubblico. Will Smith ha incassato 40 milioni per King Richard. Il premio Oscar Denzel Washington per The Little Things si è portato a casa la medesima cifra. Al secondo posto troviamo Dwayne Johnson. In america è amatissimo e i suoi film d’azione incassano sempre tanto. Ad Amazon ha strappato ben 50 milioni di dollari con la produzione Red One. Dunque streaming e non cinema.

Streaming non sala

Al primo posto troviamo Daniel Craig, quello che attualmente indossa i panni di 007 James Bond. Ben 100 milioni di dollari per invito a cena con delitto su Netflix. Insomma i compensi più forti ormai non arrivano più dalla sala cinematografica ma dallo streaming. Quando Netflix debuttò qualche anno fa con serie tv ricercate ed innovative come House of Cards, nessuno avrebbe potuto immaginarlo. Anche chi magnificava la novità rappresentata da queste serie di alto profilo, difficilmente avrebbe potuto prevedere che questo tipo di produzioni avrebbero potuto soppiantare la sala nel cuore dei fan e nei portafogli delle star.

Leggi anche: Pagamenti, app tablet e non solo: su WhatsApp cambia tutto

Questa è l’attuale tendenza del mercato premiare le pellicole fatte per gli schermi degli smartphone e delle tv più che quelli per il cinema. Anzi come ha dimostrato il caso dei film disney – Marvel nati per il cinema, ma poi dirottati sulla piattaforma di streaming dell’azienda: l’online attrae anche ciò che non è pensato per esso. 

Leggi anche: Kakebo: l’infallibile tecnica giapponese per pianificare le spese e risparmiare tantissimo

Certamente parte di questa tendenza è dovuta alle restrizioni imposte dal covid. Ma forse è anche vero che la pandemia ha solo fatto da catalizzatore ad una dinamica più profonda. 

Impostazioni privacy