Ecco perchè tanti guadagnano col cosplay: i canali sono molti

Se un tempo manga e anime vale, a dire i famosi fumetti giapponesi erano relegati ad una microscopica nicchia oggi si può ben dire che non è più così.

Il mercato dei fumetti giapponesi, ma anche dei videogiochi e dei fumetti americani è in continua crescita. Ormai anche il cinema si è accorto di questo con delle produzioni miliardarie e lo stesso vale per i più popolari i canali di streaming. Ma gli amanti del fumetto e dei cartoni animati e dei videogiochi non vogliono soltanto essere fruitori passivi di un contenuto, ma amano anche diventarne, in un certo senso protagonisti. E in questo senso che è nato il grande fenomeno del Cosplay. Cosplayer. che vuol dire Costume Player è un mercato molto grande ed in continua espansione, basti pensare che ci sono delle convention apposite e che i più bravi possono arrivare a guadagnare anche un bel po’.

Un mercato in crescita

Ma come si guadagna con questo settore? Innanzitutto ci sono degli appositi concorsi dove chi vince può aggiudicarsi un premio anche interessante. Poi c’è tutto un altro filone di guadagno relativo all’attività di artigianato. Infatti sono molti i cosplayer più esperti che guadagnano realizzando costumi ad altri cosplayer meno esperti. La realizzazione di un costume può essere estremamente complessa perché rendere nella realtà i barocchi fregi che esistono in un fumetto non è affatto semplice. Ma i modi di guadagnare non si fermano qui infatti è sulle piattaforme social che molti cosplayer diventano davvero famosissimi. Infatti su Instagram o Tik Tok i cosplayer ma soprattutto le cosplayer più brave, diventano delle vere e proprie star. A quel punto oltre i guadagni relativi alle famose visualizzazioni dei social arrivano anche delle partnership. Ma di quali partnership stiamo parlando? Ce ne sono di vario genere. Possono essere le case che producono i fumetti e videogiochi ad assoldare i più bravi cosplayer per dare vita ai loro personaggi o per fare della pubblicità.

Leggi anche: Perché Cina ed un giornale britannico definiscono i videogiochi una pandemia

Oppure possono essere delle aziende completamente diverse desiderose di avere un traino molto popolare tra un pubblico che va dai 12 ai 50 anni.

Leggi anche: Se non capisci questo concetto, evita l’investimento in NFT

Insomma per tanti il cosplay dall’essere una piacevole passione è diventato un autentico lavoro.