Logistica dell’energia. Nessuno ne parla ma gli ETF fanno guadagnare l’80% in un anno

Parliamo di auto elettrica e di conversione green. Ne scriviamo sempre e ne parliamo con gli amici. Tesla batte nuovi record.

Ma pensiamo mai al fatto che questa grande conversione mondiale ha bisogno di infrastrutture? I fondi ci pensano eccome. Ma chiariamo bene i termini del discorso. L’energia può sembrare qualcosa di etereo e fluttuante eppure ha bisogno di infrastrutture come qualsiasi altra cosa. Gli elettrodotti per portare questo maggior carico di energia vanno ripensare e ricostruiti. C’è bisogno di grandi centri di stoccaggio e tutto ciò ovviamente va fatto evitando picchi di surriscaldamento che potrebbero avere conseguenze pericolose. Ci sono le gigafactory da costruire e sono tante.

Un mondo da elettrificare

C’è l’energia da distribuire in modo capillare per rifornire i veicoli elettrici. E poi c’è la corsa alla ricarica rapida che impone aggiornamenti continui al sistema. Insomma del mondo dell’infrastruttura dell’energia non si parla mai ma è davvero il settore d’oro del momento. Ecco perchè abbiamo trovato per voi un etf focalizzato proprio su questo settore. L&G US Energy Infrastructure MLP UCITS ETF. Ecco il suo ISIN IE00BHZKHS06 ed il suo Ticker MLPI. Questo etf replica un’indice che dobbiamo imparare a conoscere bene: Solactive US Energy Infrastructure MLP. E’ questo l’indice delle società che operano nella logistica dell’energia americana. Sino alla rivoluzione del green questo mercato pur importante non attirava particolarmente l’attenzione come rendimenti e come dinamiche interne. 

Leggi anche: Bonus auto elettrica: il governo fa un pasticcio e gli italiani non sanno se possono averla

Questo settore beneficia del colossale e congiunto sforzo di tutti i paesi del mondo di convertirsi all’elettrico. Dunque non sorprende assolutamente che gli analisti lo giudichino favorevolmente. 

Leggi anche: Stop ai furbetti delle criptovalute: ora la Finanza sarà in contatto con piattaforme

Ogni investimento va ponderato con attenzione e chiaramente vanno rapportati i rischi ai potenziali utili, ma questo comparto sta cambiando pelle. Non è più l’industri sonnolenta che era sino a poco fa ma sta diventando rapidamente protagonista.