Ecco come guadagnare anche se hai pochi follower. Fai crescere qualità, non quantità

Come trasformare i follower in clienti: la sfida per guadagnare on-line. Tutti noi abbiamo dei profili Social e su questi profili abbiamo un bel po’ di follower.

Anche mettendo da parte gli influencer ed i creator e quegli utenti che arrivano a grandissimi numeri, diciamo che non è difficile arrivare ad una certa base di follower. Tuttavia questi follower in se stessi non rendono niente non ci creano un introito. Allora la grande sfida del marketing on-line in questo periodo è proprio questa punto colmare il divario che c’è tra i grandi creator e i piccoli. È normale che i guadagni debbano essere proporzionati ai follower ma è ingiusto che chi ha pochi follower guadagni zero. Ecco che allora la sfida per chi ha piccoli profili social è quella di connettere questi profili ad un proprio negozio di ecommerce.

Pochi ma buoni

Dunque la questione in questo caso non è quella di avere tantissimi follower, ma pochi follower ma con le nostre stesse passioni ai quali consigliare un prodotto che vendiamo. In questo senso shopify la più popolare piattaforma di dropshipping ha stretto un accordo con tiktok. Ma lo stesso discorso può valere per qualsiasi social. Quindi non è importante avere tanti follower, anche se non guasta. L’importante è che siano buoni che abbiano i nostri stessi gusti e che si fidino del nostro giudizio anche in tema di shopping.

Leggi anche: WhatsApp cambia completamente e dichiara guerra ai messaggi vocali

Troppo spesso pesiamo i profili il temini quantitativi: “ho 5.000 follower!” Ma se non sanno neppure chi sei. Pensiamo alla qualità. A creare una base comune di interessi e di contenuti. Creiamo coinvolgimento. 

Leggi anche: Quando navighi regali le tue informazioni ai siti. Così puoi farti pagare

Ecco che è dalla qualità e non dalla qualità che viene la situazione che permette vendite.