Bitcoin: presto ETF e prezzo a centomila dollari. Bloomberg spiazza tutti.

Mike McGlone strategist di Bloomberg ha spiazzato il mercato rivelando che secondo le sue fonti l’ETF sul Bitcoin di cui tanto si è parlato potrebbe diventare presto realtà.

Come noto, sta alla SEC approvare questo chiacchieratissimo ETF esposto sui Bitcoin. Ma quelli della Sec avevano lasciato intendere di essere piuttosto ostili alle criptovalute e che quindi l’ETF sui Bitcoin per il momento non sarebbe stato approvato. Ma McGlone spiazza il mercato dicendo che il Canada che invece ha approvato all’inizio dell’anno il suo ETF sulle criptovalute, sta stabilendo un vantaggio competitivo a danno degli Stati Uniti. Lo stratega ragiona così: il Canada ha approvato il suo ETF sulle criptovalute e sta attraendo denaro dagli Stati Uniti. La Sec non potrà stare a guardare per sempre. Prima o poi anche gli Stati Uniti dovranno fare concorrenza al Canada ad armi pari con un loro ETF sulle criptovalute.

Spiazza tutti: se ha ragione BTC raddoppia

In pratica lo stratega dice che anche se la Sec può avere le sue perplessità sulle criptovalute il Canada ha stabilito un vantaggio negli Stati Uniti dovranno recuperarlo. Secondo lui avverrà già ad ottobre. A quel punto il Bitcoin secondo lo stratega arriverà centomila dollari sicuramente. Negli ultimi giorni gli analisti si erano convinti che la Sec si fosse allontanata dall’idea di approvare l’ETF e queste rivelazioni dello stratega di Bloomberg stanno spariglia andò parecchio alle carte.

Leggi anche: Non le pornostar, ma insegnanti, coach e personal trainer guadagnano su OnlyFans

Se lo stratega ha ragione, cambia davvero tutto. Perché oggi i regolatori fanno a gara a far sembrare che stia arrivando l’ora in cui finisce la festa per le crypto.

Leggi anche: La nuova truffa telefonica legata ad Amazon. Molto insidiosa. Vediamo come difenderci.

Non solo il ban cinese, ma quello russo e le minacce di Biden… se lo stratega di Bloomberg ha ragione in effetti la regina delle crypto potrebbe davvero galoppare.

Impostazioni privacy