Investire nel mattoncino: non avete idea che mercato c’è dietro i Lego

Alle volte si tende a sottovalutare l’impatto economico delle passioni.

Non dovremmo mai dimenticare che le passioni riescono a muovere il mondo, a scatenare guerre e a sconvolgere la storia. I fumetti sono stati per tanto tempo considerati una specie di nulla dal punto di vista economico. Eppure oggi la Marvel è praticamente la più grande Major di Hollywood. Non è proprio così perché fa parte della Disney, ma come numeri ci siamo. Oppure prendiamo la passione per i videogiochi ormai chiamati e-sports. Nato come un un piccolo passatempo apparentemente innocuo si è trasformato, spinto dalla passione dei fan in uno dei comparti più ricchi ed ogni presenti del mercato. Ebbene chi non conosce i mattoncini Lego? Questi mattoncini sono amati ed usati in tutto il mondo. I SET LEGO storici arrivano quotazioni veramente inimmaginabili.

Un’economia parallela

Ma non basta. Dietro i mattoncini c’è tutto un mondo di artigiani e creativi che riescono a creare delle vere e proprie opere d’arte che alimentano il mercato di tutto rispetto. Insomma un mondo del collezionismo che va ben oltre il normale collezionismo Alimentando una vera e propria economia parallela. Potrà sembrare esagerato ma vi basterà dare un’occhiata alle piattaforme utilizzate dagli appassionati dei mattoncini, anzi da coloro i quali speculano sui mattoncini, per rendervi conto che non stiamo esagerando. Ve ne sono tante ma ve ne proponiamo una che ci sembra la migliore. https://www.brickeconomy.com Non c’è nulla del mondo degli investimenti e della speculazione che non sia stato traslato nel piccolo mondo Lego.

Leggi anche: Smartphone e tablet uccidono l’auto: -33% immatricolazioni in un anno

Navigando su questa piattaforma di renderete conto delle varie componenti di questo particolare mercato e di quanto sia ricco ed interessante.

Leggi anche: Se vuoi essere una bio influencer devi essere coerente e i guadagni sono in crescita

Insomma proprio come per fumetti e videogiochi le apparenze ingannano.

Impostazioni privacy