Telegram: il paradiso di chi vuole guadagnare illegalmente e lavorare senza pass

I canali Telegram ormai sono fuori controllo. Ci si compra e vende veramente di tutto.

È una situazione inquietante che non potrà durare all’infinito. Secondo molti esperti Telegram è di fatto il nuovo Deep Web. Infatti sui famosi canali della celebre app si riuniscono personaggi inquietanti e che operano nella completa illegalità. E’ su Telegram infatti che si possono comprare e vendere Green pass fasulli ma anche dati personali di utenti o informazioni utili a commettere Cyber crimini. Telegram è diventata ovviamente la patria dei no pass. È emerso ultimamente come si sia coagulata attorno ad alcuni canali Telegram addirittura una comunità dedita ad annunci di lavoro riservati esclusivamente a non vaccinati. Tutto ovviamente per aggirare le attuali leggi. Ma a parte il capitolo di quelli contrari al Green pass, in tutto il mondo le autorità stanno scovando canali Telegram nei quali letteralmente qualsiasi tipo di attività illegale trova gli strumenti per essere portata avanti.

Crimine e libertà

La libertà totale che questa popolarissima applicazione concede nei suoi canali è evidentemente esagerata. Ovviamente appena uno di questi canali viene scoperto viene prontamente chiuso. Ma questo serve a poco perché è ormai chiaro che gli organizzatori di questi canali hanno canali secondari di backup pronti a prendere il posto dei primi. E’ in fondo proprio questa l’insidia principale. Questi canali sono gruppi chiusi e nessuno può saperne l’esistenza a meno che non vi sia invitato. Ecco perchè sono così sicuri per i criminali.

Leggi anche: Gli chef televisivi sono il passato: arrivano dai social gli chef star di domani

Ma molti sostengono che questo sistema di messaggistica debba cambiare. Così come è strutturato ora offre i migliori strumenti per creare realtà opache ed invisibili.

Leggi anche: Dal 28 ottobre Mosca in lockdown ed anche in Gran Bretagna casi in aumento

Intanto però la popolarità di questa app cresce ed ha ormai superato il miliardo di download.

Impostazioni privacy