In tempo di rincari meglio sfruttare la convenienza del black friday

Tra un mese arriva il black friday, il grande evento di shopping che l’Italia ha ormai adottato dalla cultura americana.

Ma quando cade quest’anno il black friday? Quest’anno cadrà proprio il 26 novembre. In questo periodo di rincari e di inflazione che stanno cominciando a colpire non solo le bollette, ma anche tutti i vari comparti, approfittare del Black Friday può essere una buona opportunità. Tutte le associazioni dei consumatori stanno consigliando agli utenti di essere più oculati nella spesa e di sfruttare le varie occasioni di risparmio. Ma come nasce l’usanza del black friday? In America il black friday non è altro che il venerdì che cade subito dopo la festa del Ringraziamento. Tradizionalmente è a partire da questo venerdì che gli americani iniziano a fare gli acquisti per il Natale. Ma in particolare il black friday nasce nel 1924 e a tenerlo a battesimo è stata la grandissima catena dello shopping Macy’s che organizzò una specie di festa per dare inizio ufficialmente al periodo dello shopping.

Una festa americana

Progressivamente questa iniziativa di una singola, benché grandissima catena, è diventata una vera e propria abitudine, prima americana e poi di tutto il mondo. Con l’inizio di quest’epoca di inflazione, chiaramente il black friday può essere un’occasione in più per fare economia ed è utile pensare sin d’ora a ciò che sarà più conveniente acquistare di qui ad un mese. Dunque fare una bella lista ragionata di quello che ci serve e rimandare l’acquisto al fatidico venerdì in cui ci saranno le offerte può essere certamente una buona idea.

Leggi anche: La rottamazione cartelle diventa più comoda e con tempi più lunghi

Programmando sin d’ora quello che ci serve potremo usufruire al massimo della convenienza che le varie catene metteranno in campo per questo black friday.

Leggi anche: Aumentano le bollette, ma sulla caldaia risparmiamo il 65% senza ISEE col bonus

I dati di vendita di questa festa dello shopping sono anche un modo per monitorare la propensione all’acquisto delle famiglie.