ETF su Bitcoin: attenzione all’entusiasmo passeggero. È già successo in Canada

JP Morgan sostiene che l’incredibile entusiasmo nato attorno all’etf su Bitcoin sia passeggero, anzi probabilmente si sia già spento.

Vediamo di capire le ragioni di questa affermazione. Da mesi si attendeva l’approvazione di un etf su Bitcoin. La Sec l’equivalente della nostra Consob, per mesi aveva tentennato finché ad un certo punto si era pensato che non lo avrebbe più approvato. Ad un certo punto però clamorosamente l’etf su Bitcoin è stato approvato e in un solo giorno ha rastrellato circa un miliardo di dollari. Questo ha portato grande entusiasmo sia attorno all’etf stesso che attorno alla famosa criptovaluta. JP Morgan però spegne questi facili entusiasmi e dice che il debutto clamoroso dell’etf su Bitcoin resterà un caso isolato. Secondo la grande banca, infatti, chi voleva questo etf lo ha già acquistato al suo debutto ed ora la capitalizzazione resterà sostanzialmente invariata.

E’ già successo in Canada

A sostegno della sua tesi, la nota banca americana porta il caso simile accaduto in Canada. In Canada già da tempo è stato approvato un etf su Bitcoin. All’inizio è stato un successo clamoroso. Ma poi sostanzialmente l’entusiasmo e l’interesse sono rapidamente diminuiti. Questo è quello che probabilmente accadrà anche all’etf quotato sulla borsa americana degli Stati Uniti. JP Morgan in generale non crede nei Bitcoin e cerca sempre di dissuadere i suoi investitori dagli investimenti in questa criptovaluta. In effetti però il caso canadese potrebbe facilmente ripetersi negli Stati Uniti. Sostanzialmente questo etf è stato premiato da chi cercava una copertura contro l’inflazione. Costoro sono stati probabilmente gli artefici dell’immediato successo di questo strumento.

Leggi anche: Sale la paura per i NFT. Vediamo quali nuvole ci sono all’orizzonte

Tutto ciò non toglie che si preparano al debutto altri etf su questa criptovaluta, ma anche su altre e assai probabilmente l’appetito per questi strumenti non sarà poco.

Leggi anche: Allarme Cina: il debito immobiliare equivale all’intero Pil del Giappone

Come che la si pensi questo è un momento d’oro per le crypto ed il mercato le cerca.