La stampa asiatica rivela nuovi default immobiliari in arrivo

Dalla Cina arrivano pessime notizie proprio in un momento nel quale il paese del dragone cerca di riabilitarsi sulla scena internazionale.

Lo scandalo Evergrande ha notevolmente minato la fiducia degli investitori sulla rampante economia cinese, ma Pechino ha fatto di tutto per tranquillizzare le acque. Evergrande per ora ha evitato il default, ma la situazione debitoria rimane inalterata e sempre inquietante. Nel frattempo la Cina si trova a dover fare i conti con un aumento imprevisto dei contagi covid che, oltre a poter gravare ulteriormente sulla già pesante crisi della supply chain, potrebbero addirittura mettere in forse alle Olimpiadi Invernali cinesi del 2022. Il danno di immagine sarebbe veramente forte. Ma oggi arriva la notizia fornita da un’autorevole testata asiatica secondo la quale ci si attendono svariati altri default di grandi aziende immobiliari cinesi.

Nuovi default

La cosa più preoccupante è che questo dato è assunto praticamente per certo. L’attuale situazione cinese è assai precaria e delicata e tante criticità sono emerse negli ultimi mesi. Il governo di Pechino cerca di tranquillizzare le banche concedendo ai grandi istituti finanziari internazionali di vendere i propri prodotti anche ai cittadini cinesi, ma non si sa se questo basterà. Tuttavia questa nuova notizia dal fronte immobiliare sembra essere destinata ad incrinare ancora di più il rapporto di fiducia tra gli investitori internazionali ed il mercato cinese. I report ci dicono che gli investitori continuano a credere nella Cina, ma novità di questo genere sicuramente non sono positive per il paese del dragone. Modern Land China ed altre aziende sono già previste in default per la stampa cinese.

Leggi anche: Allarme Cina: il debito immobiliare equivale all’intero Pil del Giappone

La linea del governo rimana immutata: niente salvataggi, ma evitare il credit crunch. Dunque su questo fronte l’esecutivo cinese vuole che la fiducia degli investitori resti robusta.

Leggi anche: La frustrazione dell’investitore che non sta capendo niente con la blockchain

Ad ogni modo resta sempre l’incognita se siamo in quadro di scoppio di bolla immobiliare o meno.