Guru ex Goldman Sachs dice che le crypto faranno il + 500% in un anno

Le criptovalute sono un tema caldissimo perché se c’è chi cerca di mettere in guardia gli investitori da quella che potrebbe essere una tremenda bolla in grado anche di spazzare via il mercato, c’è anche chi le ama.

E’ il caso di Il CEO di Real Vision, ex dirigente di Goldman Sachs e macro guru Raoul Pal. Questo guru degli investimenti sostiene che la capitalizzazione totale di tutte le criptovalute secondo lui sta manifestando chiari segnali di un rialzo veramente importante e stabile nel prossimo anno. Lui analizzando i grafici mediante l’analisi tecnica vede un rialzo addirittura del 500%. Per lui le criptovalute sono in una fase di ipervenduto. Quindi nonostante i vari record dei quali spesso si parla, sono in una fase di sostanziale consolidamento. Ma nel prossimo anno Pal è fortemente convinto che si possa passare ad una situazione di ipercomprato, quindi che il mercato possa crescere globalmente addirittura di 6 volte.

Un comparto che cresce di 6 volte

Ovviamente si parla delle criptovalute globalmente intese dal punto di vista della capitalizzazione. Dunque questo guru delle crypto è convinto che sono sicuramente da comprare. Ma sono in particolare le altcoin quelle su cui si concentra quest’analisi. Infatti lui vede margini di crescita davvero forti per tutte le criptovalute e perciò consiglia di focalizzarsi proprio su quelle altcoin che secondo lui potrebbero riservare sorprese in positivo. Insomma secondo lui, la fase di consolidamento ormai ha fatto il suo tempo ed è assai convinto che si passerà ad una fase nettamente rialzista che andrebbe a confermare sostanzialmente quel rialzo di lungo termine al quale stiamo assistendo da tempo.

Leggi anche: Vediamo perché tanti Creator guadagnano proprio da YouTube Shorts.

Insomma una voce fortemente ottimistica all’interno di un dibattito vasto e variegato che è sempre più intenso.

Leggi anche: BoE, allarme rosso sui Bitcoin: valgono il doppio dei subprime nel 2008.

Certamente però i prossimi anni saranno gli anni di quella regolamentazione della materia, chiesta da troppo tempo.