Applausi per AMD: ha cominciato a fare scorte per chip all’inizio della pandemia

Oggi tutto il pianeta è in panne per la crisi dei chip.

L’industria dell’auto è costretta a tagliare fortemente la produzione, Apple dice che non riuscirà a far fronte alle richieste entro Natale. Ma in realtà la crisi dei chip colpisce tantissime filiere produttive. Oggi si cerca di capire come riorganizzare le catene degli approvvigionamenti e non mancano mosse a sorpresa come quella di Hyundai che comincerà a produrre i chip per conto proprio. Ma in tutto questo quadro sconfortante, colpisce come un fulmine a ciel sereno la dichiarazione di AMD, colosso dei processori. In sostanza AMD non ha nessun problema con i microchip. Com’è possibile questo miracolo? Sono stati incredibilmente previdenti. All’inizio della pandemia hanno cominciato a fare normi scorte di componenti per i semiconduttori.

Incredibilmente previdenti

Ma hanno fatto le cose in grande e in modo tale da poter resistere addirittura ad anni di penuria di componentistica per chip. Dunque mentre il mondo si accorgeva della penuria dei chip un paio di mesi fa, loro già correvano ai ripari all’inizio dell’era covid. Non possiamo non apprezzare la lungimiranza di questa azienda. Spesso raccontiamo di come si cerchi di inseguire le crisi per cercare di porvi rimedio magari anche in modi non proprio ottimale. Ma questa azienda che ha neutralizzato la crisi dei chip (almeno per quanto la riguarda) ragionando con anni d’anticipo è francamente impressionante. Mettendo da parte la lungimiranza di AMD, la crisi dei chip sta costituendo un grosso problema per la ripresa mondiale, tanto che sta frenando numerosi comparti.

Leggi anche: Aumenti su tutto: quell’inflazione che genera ansia e solitudine

Non a caso quelli di AMD hanno fatto scorte pensando ad anni di crisi dei chip ed infatti molti analisti sostengono che la crisi durerà purtroppo anni.

Leggi anche: Nessuno farà nulla contro l’inflazione: Fed continua a definirla transitoria

Quindi se AMD ha fatto assolutamente le cose per bene non possiamo comunque non sottolineare come questa crisi sia grave e, purtroppo probabilmente sarà anche duratura.