Investire nel cibo sostenibile fa bene a te e all’ambiente. Ecco come fare

Se il G20 è stata una delusione da tanti punti di vista, non è detto che noi nel nostro piccolo non possiamo fare la differenza magari proprio con gli investimenti che facciamo.

Il cibo sostenibile rappresenta una grande sfida in un mondo in cui cambiamento climatico, colture intensive, povertà sempre più diffusa sono dei trend purtroppo in crescita. Quando sentiamo che Cina e India spaventate dalla penuria di energia, stanno tornando al carbone chiaramente questo non ci fa piacere ed è veramente una sconfitta. Quando leggiamo della povertà sempre più diffusa e delle discriminazioni, anche qui ci rendiamo conto che qualcosa non va, ma con i nostri investimenti nel nostro piccolo possiamo fare qualcosa. Scegliere aziende sostenibili invece di aziende dalle politiche più predatorie, sicuramente ci consente di dare una mano a chi sta perseguendo obiettivi di sostenibilità ambientale.

Cibo sostenibile

Ed è bello vedere che esistono ETF che hanno un focus speciale proprio su queste tematiche. Quello che vi proponiamo è un ETF che va a scegliere proprio aziende che mettono al centro della loro attività il cibo sostenibile. I criteri di sostenibilità sono veramente importanti dovrebbero essere tenuti in maggiore considerazione da tutti noi. L’ETF di cui vi parliamo è il Rize Sustainable Future of Food UCITS ETF, ISIN IE00BLRPQH31. Questo è uno strumento che filtra le aziende sulla base di vari criteri etici e di sostenibilità. Lo scopo è quello di replicare un paniere di aziende dell’industria del cibo che perseguano i loro profitti con un’attenzione particolare all’ambiente ed alla sostenibilità della filiera. Sono scelte come queste che ci permettono di dare il nostro contributo concreto.

Leggi anche: Investitori a caccia del nuovo Bitcoin, ecco come orientarsi

Purtroppo l’inflazione e la crisi energetica fanno passare in secondo piano l’importanza di questi temi.

Leggi anche: Il sindaco di New York pagato in Bitcoin e Burger King te li regala

Eppure ciò che non affrontiamo oggi in termini di sostenibilità, lo pagheremo domani.