Arriva un sms da Poste Italiane, ma è falso ed è una pericolosa truffa

Si tratta di una nuova truffa che sta mietendo vittime in tutta Italia ed alla quale bisogna stare estremamente attenti.

Tanti italiani sono clienti di Poste Italiane e se si vedono arrivare sul cellulare un sms che segnala un accesso di un nuovo dispositivo a loro account chiaramente si preoccupano. Ma se seguono le indicazioni per bloccare questo nuovo dispositivo contenute nell’sms fanno soltanto il gioco dei truffatori. Si tratta di una nuova insidiosa truffa architettata peraltro molto bene. L’sms sembra proprio provenire da Poste Italiane e di conseguenza chi lo riceve tenderà a fidarsi e a seguire la procedura guidata per escludere questo accesso non autorizzato al proprio account. Bisogna stare estremamente attenti a questo genere di truffe perché il loro scopo è quello di carpire le credenziali di accesso ai conti per poterli svuotare.

Massima attenzione

La polizia postale segnala questo genere di truffe e ne segnala l’estrema pericolosità. Mai rispondere a questo genere di inviti e soprattutto mai inserire le proprie credenziali in un link che ci viene fornito da messaggi o email che riceviamo. Se riceviamo una comunicazione, starà noi eventualmente poi andare in posta o in banca o in qualsiasi altro luogo venga menzionato nel messaggio per verificare l’autenticità di quanto ci viene detto. Le autorità competenti stanno monitorando questa truffa per cercare di capirne la provenienza, ma il consiglio rimane sempre quello di diffidare di questi messaggi e soprattutto di non eseguire mai l’operazione che ci viene richiesta. Infatti chi organizza queste truffe sa bene come mettere in allarme chi riceve il messaggio e spingerlo ad agire per scongiurare il pericolo minacciato.

Leggi anche: Rincari troppo forti: senza i bonus, edilizia al tracollo

La cosa più insidiosa di questi messaggi sono i link: mai cliccarci sopra. Possono essere pericolosi persino se non inseriamo le nostre credenziali.

Leggi anche: Bonus Terme caotico ed ingiusto: associazioni consumatori lanciano l’allarme

Bisogna dire che stranamente i vecchi sms sembrano tornare di moda tra i truffatori, perchè questa non è la prima truffa che segnaliamo tramite questo mezzo.