Bitcoin: previsto un raddoppio, ma i regolatori possono stroncarli

Il Bitcoin è un argomento sempre più caldo e ciò non sorprende.

Gli investitori di tutto il mondo stanno cambiando il loro atteggiamento nei confronti della regina delle criptovalute. Se in passato era considerato un investimento per pochi esperti, oggi il Bitcoin è finito in sempre più portafogli istituzionali e nei portafogli di tanti risparmiatori privati. Sempre più persone si stanno avvicinando alla regina delle criptovalute e sicuramente il fatto che la Sec abbia accettato l’ETF su Bitcoin ha rappresentato un salto di qualità nei confronti della credibilità di questa criptovaluta. Ma la grande incognita restano i regolatori. In tutto il mondo le autorità di regolamentazione hanno fatto sapere che sono in elaborazione regole e normative che dovrebbero proteggere gli investitori dalle peculiarità delle criptovalute.

L’incognita dei regolatori

Non si sa ancora nulla di queste regolamentazioni ma il timore che possano stroncare la folle corsa delle criptovalute è tanto. Le criptovalute oggi valgono globalmente 3000 miliardi di dollari ed hanno un appeal crescente. Non è un caso che tanti circuiti di pagamento abbiano comunicato che le vogliono trattare come valute tradizionali ad accettarle in pagamento. Dunque la loro popolarità cresce sempre di più, ma vedremo cosa faranno i regolatori per stravolgere questo particolarissimo investimento. Intanto tanti apprezzati analisti tecnici parlano di un raddoppio entro fine anno. Questo colpisce perchè quest’anno era cominciato col tremendo ban cinese sulle crypto ed anche la Sec all’inizio sembrava ostile all’idea dell’ETF, ma poi tutto è cambiato. Insomma, le prospettive su questo comparto sono positive, ma finché non si capirà qualcosa di più su ciò che vogliono fare i regolatori, diciamo che tutto appare piuttosto fumoso.

Leggi anche: Bitcoin mette il turbo: l’inflazione ai massimi da 30 anni attira i risparmiatori

Ma il grande elemento di attrazione nei confronti delle crypto attualmente è soprattutto l’inflazione.

Leggi anche: Il Laos è il nuovo paradiso dei minatori di Bitcoin e ci guadagnerà tanto

E accanto a paesi che vogliono regolamentarlo, non mancano quelli che vogliono attrarre a tutti i costi i miners.