Bollette: potrai pagarle a rate per combattere gli aumenti. Per alcuni Bonus

Il caro bolletta è veramente tremendo per gli italiani. Ma ora arriva una novità.

Le associazioni dei consumatori hanno fatto i conti in tasca agli italiani e hanno stabilito che la mazzata sarà di €800 per ogni famiglia. Dunque veramente una cifra importante che andrà di impattare in modo drammatico sul bilancio delle famiglie. Il governo ha messo in campo una cifra assai importante per fronteggiare il caro bollette. Sono stati stanziati dal governo quasi 4 miliardi, ma a conti fatti questi miliardi serviranno a ben poco. Innanzitutto offriranno un bonus soltanto alle famiglie con un reddito al di sotto degli €8000 di Isee. Ma anche per queste famiglie il bonus arriverà fino a marzo 2022 e poi non è chiaro che cosa succederà. Ma per tutte le altre, la stangata sarà di €800. Giunge allora dal governo un’idea: vale a dire quella di rateizzare le bollette.

La rateizzazione ed il bonus

Cerchiamo di capire di che si tratta e a chi può convenire. Il governo vuole offrire la possibilità di rateizzare la bolletta a tutte quelle famiglie che non ce la fanno, ma anche alle imprese. Questa ipotesi allo studio da parte del governo consentirebbe alle famiglie che non ce la fanno ma anche alle imprese di spalmare su un tempo più lungo i rincari di questi mesi. Ma c’è un reale vantaggio? Non è chiaro. In realtà secondo gli esperti il vantaggio sussisterebbe solamente nel caso in cui i rincari delle bollette fossero effettivamente transitori… temporanei. Allora effettivamente ci sarebbe un po’ di respiro, ma se gli aumenti fossero più a lungo termine, questa rateizzazione non servirebbe proprio niente.

Leggi anche: Bonus facciate al 90% nel 2022: siamo a buon punto. Larga intesa politica

D’altra parte comunque, parliamo di una rateizzazione.

Leggi anche: Superbonus 110%: rivoluzione su massimale di spesa e pertinenze

Quindi in definitiva quello che c’è da pagare, si dovrà comunque sia pagare. Dunque molti sono perplessi su questa idea dell’esecutivo.