Le banche centrali mentono sapendo di mentire e il conto salato lo paghiamo tutti

Nella narrativa comune Fed e BCE stanno diventando più falchi.

È comune sentire definire le banche centrali di Stati Uniti e d’Europa come più reattive nei confronti dell’inflazione, ma la verità è molto diversa. L’inflazione ormai è attorno al 6%. Valori così alti non li si vedeva da decenni. La verità dei numeri è che le banche centrali continuano a tenere i tassi a zero e una situazione del genere non si è mai vista. C’è uno scollamento totale tra l’inflazione e i tassi praticati dalle banche centrali e questo è estremamente pericoloso. Attualmente il costo di questa scelta si manifesta in un’inflazione veramente tremenda. I rincari sono all’ordine del giorno e gli italiani sono ancora scioccati dalla aver appreso che la bolletta del gas aumenterà del 60% a gennaio. Ma l’importante è capire che l’aumento di gennaio del gas è soltanto un pezzetto di un puzzle estremamente complesso che potrebbe essere disinnescato dalle banche centrali.

Mentono e sbagliano, ma non cambiano rotta

Ma che le banche stesse non vogliono disinnescare. Si tratta di colombe malamente travestite da falchi. Anzi la Fed cerca di sembrare un falco mentre la BCE nemmeno ci prova. La Banca Centrale Europea ha fatto sapere che nel 2022 non ci sarà alcun aumento dei tassi, che resteranno saldamente ancorati allo zero. In una prospettiva del genere, l’inflazione non può che essere altamente distruttiva. Ma perché tengono una politica del genere? Ci sono tre risposte. La prima è: perché pensano che l’inflazione tutto sommato può essere transitoria. Ma è una risposta fasulla che non convince molti. La seconda è che hanno il terrore di un crollo borsistico e la terza è che stanno semplicemente navigando a vista come dicono molti. Sono disorientate dalla situazione anomala e non sanno che cosa fare.

Leggi anche: Guida ETF: ecco perché ti consentono proprio la diversificazione giusta

Certamente l’ostentata retorica dell’inflazione che non fa poi così paura non convince più nessuno.

Leggi anche: Guida: troppi ETF e l’investitore non sa cosa scegliere

Sì è vero La Fed ha cambiato un po’ la sua comunicazione, ma davvero troppo poco rispetto ad un mondo che sta annegando nel dell’inflazione.