Auto usate 2022: doppia trappola al momento dell’acquisto

Con i tempi che corrono tanti italiani che hanno bisogno di una nuova auto pensano di lasciar perdere il mercato del nuovo e di affidarsi all’usato. Può essere un grave errore.

In linea di principio comprare un’auto usata dovrebbe consentire di risparmiare tanto ed in effetti è così. Ma questo mercato è cambiato molto ed è importante stare attenti per vari motivi. Decisamente non è un buon momento per il mercato delle auto usate: come vedremo c’è un doppio problema. Il primo è il prezzo. Negli ultimi mesi si è registrato un forte rincaro dei costi delle auto usate. Alcuni analisti del mercato parlano di un aumento medio che può arrivare anche al 30 o 40% rispetto a solo pochi mesi fa. Sicuramente un effetto dell’inflazione ma altrettanto sicuramente anche un effetto del calo delle immatricolazioni che ha colpito il settore delle automobili. Ma un’auto usata può essere una vera e propria trappola. Ricordiamo che il bollo auto scade il mese successivo al mese in cui la vettura è stata immatricolata.

Stangata subito e rischio poi

Dunque il bollo dell’auto lo deve pagare chi risulta proprietario della vettura nel mese successivo a quello di immatricolazione. Si tratta di qualcosa da verificare ed è la meno importante. Dunque ci sono tutta una serie di verifiche che vanno fatte sull’auto che si sta acquistando per essere certi se ci siano ipoteche o fermi amministrativi. Ma come può fare il cittadino a capire se bollo fermi o altri problemi di questo genere gravano sull’auto che si sta per acquistare? E’ il Giornale rispondere a questa domanda consigliando di utilizzare ilportaledellautomobilista.it o aci.it: attraverso queste due piattaforme on-line sarà possibile verificare se l’auto deve desideriamo acquistare a qualche genere di problema che rischiamo di accollarci noi.

Leggi anche: Allarme sul Bonus Facciate: i nuovi chiarimenti lo riducono troppo

Dunque prima di acquistare un’auto usata dobbiamo renderci conto che oggi ci costa notevolmente di più e si rischia anche di accollarsi i problemi del precedente proprietario.

Leggi anche: Conto corrente: dal 2022 il fisco considera il contante sospetto;

Due ottime due ottime ragioni per prestare estrema attenzione a questa pratica molto diffusa.