Multe stradali 2022: pesantissime, i nuovi reati ti sorprenderanno

Il nuovo codice della strada è innovativo sotto molti punti di vista, ma si sottolinea in particolare per una notevole durezza nei confronti di chi sbaglia.

Anzi la durezza del nuovo codice è davvero forte. E’ il decreto Infrastrutture ad aver introdotto tutte le novità di questo nuovo codice della strada. Questa nuova normativa mira sostanzialmente a punire con durezza soprattutto chi non rispetta i disabili, l’igiene pubblica e in generale a chi tiene comportamenti poco decorosi e rispettosi. Ad esempio chi sporca la strada rischia una multa fino a €886. Si tratta di una multa doppia rispetto al passato. Ma diciamo in generale che tutte le multe il cui importo p stato rivisto, sono state quasi tutte raddoppiate. Come detto particolare importanza è stata riservata al rispetto dei disabili.

Improntato alla civiltà

Quante volte infatti vediamo i parcheggi riservati ai disabili indebitamente utilizzati da chi non ne ha diritto. In questo caso la pena giunge a €672. In più se si occupa un parcheggio riservato ai disabili si perdono anche quattro punti della patente. Anche qui un raddoppio, perchè prima se ne perdevano 2. Ma non sono solo le automobili nel mirino del nuovo codice. Questa novità è stata particolarmente apprezzata da molte associazioni a tutela dei consumatori. Al motociclista che porti con sé un passeggero senza casco, toccano multe fino a €332 perfino se il passeggero sia maggiorenne. Dunque decisamente un incentivo ad essere più rispettosi. Ma grande importanza è stata data anche al decoro urbano. Tra l’altro qualsiasi oggetto venga gettato in strada si rischia una multa fino a €204.

Leggi anche: Allarme sul Bonus Facciate: i nuovi chiarimenti lo riducono troppo

In precedenza, la multa per l’oggetto gettato in strada andava da 26 e 52 euro.

Leggi anche:Bonus bollette 2022: arrivano due vie diverse per averlo

Insomma con questo nuovo codice vietato sbagliare, ma soprattutto vietato mancare di rispetto al pubblico decoro ed ai diversamente abili.