Cina, un nuovo programma per gli anziani potrebbe cambiare il futuro di internet nella nazione

Il governo di Pechino ha inaugurato una nuova iniziativa per aiutare la fascia piùà anziana della popolazione a utilizzare al meglio internet, semplificando la navigazione su molti siti istituzionali. 

La Cina ha dato il via a delle nuove operazioni il cui scopo è in primo luogo di rendere accessibile l’utilizzo di internet per le persone più anziane.  L’annuncio è arrivato direttamente dal governo di Pechino che ha spiegato che si tratta di un’iniziativa che si inserisce all’interno di “uno sforzo finalizzato alla costruzione di una società a misura della popolazione anziana”. Di questa transizione appena annunciata, se ne occuperà l’attuale direttore del Dipartimento per l’industria dei prodotti al consumo He Yaqiong. Lo farà in collaborazione con il Ministero dell’Industria e dell’Informatica. Il primo passo per aiutare la popolazione più anziana, è stato quello di modificare circa 143 siti internet e relative applicazione mobile, allo scopo di rendere la navigazione il più elementare possibile.

Cina, il mercato dell’Internet of Things sfonderà presto quota 300 miliardi

Un modo per aiutare tutti coloro che per la prima volta si troveranno ad utilizzare un computer in un’età in cui più di altre è difficile imparare. La decisione del governo arriva in un momento in cui nella nazione, il mercato di Internet of Things ha già raggiunto un volume d’affari che nel 2025, dovrebbe sfondare quota 300 miliardi di dollari. Una cifra anche solo difficile da leggere, ma che proviene da un’attenta analisi elaborata da una società specializzata chiamata International Data Corporation. 

Leggi anche: Bancomat: non immagini a chi vanno i soldi delle commissioni e arriva la stangata

Leggi anche: La nuova truffa “natalizia” del pacco bloccato ti svuota il conto

Ma non solo, perché nel report dedicato all’IoT in Cina, viene anche specificato che nei prossimi cinque anni, questo comparto rappresenterà circa il 25 per cento dell’intera economia.