Connessione internet superveloce: ad alcuni la paga lo Stato col Bonus

Il Covid con le sue nuove varianti, fa tornare lo smart working d’attualità e arriva il Bonus che fa volare la connessione.

La connessione ad internet è fondamentale nel lavoro e specie in epoca di smart working diventa determinante. L’Italia in generale non è messa benissimo come velocità di connessione. Connessioni vecchie e lente non sembrano essere in grado di gestire in modo ottimale le necessità di oggi. Arriva così un bonus governativo che può rendere le connessioni italiane decisamente più al passo coi tempi. Vediamo di che si tratta. Parliamo di un Voucher dal valore piuttosto interessante, pensato per far crescere la velocità di connessione in modo importante a spese dello Stato. Si chiama Bonus Internet fase 2 e vale fino a 2.500 euro. Vediamo a chi spetta e come fare ad ottenerlo.

Un bonus ricco che favorisce la digitalizzazione

Questo bonus spetta a tutte le aziende che ne facciano richiesta. Con questo voucher le aziende potranno acquistare abbonamenti ad internet anche a velocità davvero elevata. Il valore del bonus va da 300 a 2.000 euro ed ogni azienda ne potrà chiedere uno solo. Secondo il Ministro Giorgetti potranno beneficiarne concretamente fino ad 1.400.000 aziende italiane con un notevole guadagno per le stesse aziende e per la competitività. La durata dell’abbonamento internet che si può sottoscrivere con questo bonus va da 24 a 36 mesi. Come detto il bonus arriva a 2.000 euro, ma se si punta ad un contratto da 1 Gbit/s, velocissimo ma più costoso, il Bonus arriva a 2.500 euro. E questo è il suo massimo. Viene chiamato Bonus Internet fase 2 perchè la fase 1 qualche mese fa ha riguardato le famiglie.

Leggi anche: Bonus facciate 2022 al 60%. Anche su parte della facciata e alcune interne

Si trattava di un bonus per aiutare la digitalizzazione delle famiglie italiane.

Leggi anche: Superbonus 110%: caos sui massimali “assorbenti

Il Ministro intende informare con tutti i canali possibili, le imprese di questa opportunità affinché non vada sprecata.