Prima casa under 36: proroga su zero tasse e mutuo garantito

E’ una misura importante il Bonus prima casa under 36. Vediamo come funziona e le novità.

Per una giovane coppia che progetta una vita insieme non è facile avere le risorse per acquistare una casa. Sottoscrivere un mutuo, poi è spesso difficile perchè le banche sono restie ad accendere mutui a chi si trovi nella precarietà lavorativa nella quale versano i giovani. Ecco che questo bonus si rivela particolarmente importante ed azzeccato in questo momento storico che vede alla tragedia della pandemia, sommarsi anche quella dell’inflazione. Con la legge di bilancio è arrivata una bella proroga al 31 dicembre per questo bonus e così tanti potranno usufruirne. Vediamo i vantaggi che offre (e sono molteplici) ed i paletti posti dall’attuale normativa.

Come ottenerlo e i tanti vantaggi

Come dice il nome è un bonus riservato agli under 36 per l’acquisto della prima casa. Dunque se non si rientra nella fascia di età prevista dal bonus o si ha già un immobile chiaramente si è fuori. L’altro paletto fondamentale è l’ISEE: 40mila euro è il tetto massimo previsto. L’agenzia delle Entrate era intervenuta a chiare proprio questo punto con la circolare 12/E del 14 ottobre 2021. Occhio, perchè bisogna essere under 36 per tutto il 2022. Se si compiono i 36 anni durante l’anno il bonus salta. Ma veniamo ai tanti vantaggi. Il primo è più importante sono le tasse azzerate. Un vantaggio notevole per una giovane coppia che voglia acquistare un immobile. Caso particolare è se si acquista dall’impresa edilizia o comunque dal costruttore. In questo caso c’è l’Iva, ma anche sull’iva si ottiene un vantaggio economico: va pagata ma poi si ha un credito d’imposta.

Leggi anche: Bonus verde 2022: l’elenco completo dei lavori per cui lo puoi usare. Novità

Una nota stonata riguarda il contratto preliminare.

Leggi anche: Superbonus, novità Entrate: edifici misti e condomini composti da più edifici

Il bonus su di esso non si applica direttamente, ma si può poi chiedere un rimborso.