Allarme assicurazioni auto: oltre 200 popolari siti sono truffe. Controlla subito

L’assicurazione auto è sempre un capitolo doloroso per gli automobilisti italiani.

In questo periodo di inflazione e di rincari chiaramente gli italiani cercano di risparmiare in ogni modo. Ma dall’IVASS l’autorità che vigila sulle assicurazioni arriva una notizia tremenda. Oltre 200 siti operanti in Italia sono risultati truffaldini. Vere e proprie Assicurazioni assolutamente false ed invalide sono state scoperte dall’autorità. Vediamo che è successo e come evitare guai. Gli italiani ultimamente stanno subendo una stangata dietro l’altra ed è assolutamente una prassi quella di girare su internet a caccia dell’offerta più vantaggiosa. Perché se non si risparmia almeno sulle assicurazioni davvero non si sa come fare. Le offerte on-line non mancano e alcune sono incredibilmente allettanti. Ma l’IVASS segnala che ben 219 siti sono stati trovati come irregolari. Davvero qualcosa di impressionante. In sostanza tantissimi italiani potrebbero girare attualmente con una assicurazione completamente fasulla e non valida ed essere convintissimi di essere coperti.

Ecco come controllare ed evitare guai

In effetti capita che le forze dell’ordine durante controlli di routine sorprendano ignari cittadini e rivelino loro che la loro assicurazione in realtà è falsa. Comprare l’assicurazione online è comodo e ci fa risparmiare tanto, ma siamo davvero certi di non essere caduti nella rete di uno dei tanti siti truffa? Ma come evitare di cadere in questi tranelli? Innanzitutto cifre veramente troppo stracciate devono indurci a sospettare. Poi bisogna cercare di capire l’affidabilità del sito che ci propone l’assicurazione. Ma c’è un sistema ancora più certo ed affidabile. Sul sito di IVASS c’è proprio un elenco delle assicurazioni operanti ed esistenti con i siti ufficiali.

Leggi anche: Bollette: raddoppiate in un anno. Bonus, rate ed eviti il distacco così

Dunque è importante verificare che l’assicurazione che ci viene proposta sia esistente e che il sito sia quello giusto e non un sito con un indirizzo molto simile.

Leggi anche: Bollo auto: chi deve pagare il 31 gennaio e chi festeggia l’esenzione totale

L’autorità invita a verificare e stare attenti.