Caro bolletta: la svolta, azzerati oneri di sistema e divieto distacco contatore

Il caro bolletta sta pesando davvero troppo su questa ripresa economica e per famiglie ed imprese è proprio un massacro.

Le famiglie non ce la fanno a pagare le bollette e le imprese rischiano di chiudere o di dover lavorare di notte. Insomma il caro energia e in generale l’inflazione stanno davvero pesando molto di più del previsto. Ma dallo Stato arrivano delle risposte sia per quanto riguarda le famiglie che le imprese. Il rischio che il caro bolletta spenga la ripresa economica è troppo forte e perciò il governo interviene con nuove misure. Per le imprese arriva l’azzeramento degli oneri di sistema. Questo vuol dire che per i primi 3 mesi di questo 2022 la bolletta che pagheranno le aziende italiane sarà alleggerita dagli extra costi dell’inflazione almeno teoricamente. Ma l’impatto più duro del caro bolletta è per le famiglie. Per quanto riguarda le famiglie arrivano una serie di opzioni per riuscire a restare a galla in questo contesto così difficile.

Ecco le nuove misure governative

Innanzitutto per chi non riesce a pagare le bollette a prescindere dall’ISEE c’è un divieto di sospensione immediata dell’erogazione di luce e gas. Infatti la compagnia che eroga luce e gas sarà tenuta a informare l’utente che ha la possibilità di effettuare il pagamento dovuto in modalità rateale. Dunque niente distacco di luce e gas. Ma l’inizio di un pagamento in rate che possono arrivare fino a 10. Per chi percepisce reddito di cittadinanza pensione di cittadinanza, ma anche per chi è collegato a macchine salvavita alimentate ad elettricità c’è il bonus sociale applicato direttamente in bolletta. Anche per chi un ISEE sotto gli €8000 o abbia un ISEE sotto i 20.000 ma con 4 figli a carico c’è parimenti il bonus sociale.

Leggi anche: Reddito di Emergenza 2022: una notizia pessima ed una ottima

Certamente grave la situazione imposta dall’inflazione che rende la vita più difficile anche sul fronte benzina.

Leggi anche: Nuova doppia tassa sulla benzina: la rabbia, ma c’è chi spende pochissimo

La speranza è che questa spirale inflazionistica passi presto.