€3 per ogni €10 spesi: Cashback delle Poste è sbalorditivo ma scade presto

Poste Italiane ha deciso di non far rimpiangere il Cashback di Stato ed ha tirato fuori una proposta che sta facendo furore tra gli utenti.

Gli italiani sono in un certo senso rimasti orfani del cashback voluto dal governo Conte. In effetti il Cashback era stato molto amato da alcuni utenti ma sostanzialmente il governo Draghi l’ha ritenuto una misura poco utile a contrastare l’evasione fiscale e così non l’ha confermato. Poste Italiane ha pensato bene di sfruttare l’amore degli italiani per il Cashback al fine di tirare fuori una proposta che facesse breccia nei cuori di tutti gli italiani che rimpiangevano il Cashback dello Stato. Infatti è ormai chiaro che il governo Draghi non ama questa misura e anche se inizialmente qualcuno si era detto possibilista sul suo ritorno, ormai esso è praticamente escluso. Il Cashback sulla carta Postepay era nato in questi termini: €1 di Cashback per ogni spesa di almeno €10 con un tetto massimo di €10 al giorno.

Come funziona e i tempi

Questa iniziativa delle Postepay è piaciuta a tanti e infatti è stato un grande successo. Ma Poste Italiane Sicuramente nella speranza di fidelizzare al massimo i suoi clienti e di attrarne sempre nuovi ha reso il suo Cashback incredibilmente conveniente. Infatti solo per il mese di febbraio per ogni acquisto di almeno €10 si avranno addirittura ben €3 indietro. €3 recuperati per ogni €10 spesi è davvero una misura convenientissima e infatti è facile immaginare quanto successo avrà questa iniziativa. Ma attenzione perché per l’appunto durerà soltanto per il mese di febbraio. Per poterne usufruire è necessario scaricare l’app Postepay sul proprio smartphone e connettere la propria card con l’app. In questo modo ogni spesa fatta con la Postepay sarà registrata nel sistema e contabilizzata ai fini del Cashback.

Leggi anche: Bonus figli, novità: tutte le detrazioni che si sommano all’assegno unico

Ma un ulteriore vantaggio è che il tetto sale da 10 a 15 euro al giorno.

Leggi anche: Bancomat, che batosta: evita gli sbagli che fanno pentire troppi italiani

Insomma, un successo annunciato.