Braita, un nuovo virus informatico che colpisce gli Android in Europa e svuota i conti

È stato identificato anche nel nostro paese, un nuovo virus informatico in grado di svuotare i conti degli utenti con cui entra in contatto attraverso il cellulare. Vediamo nel dettaglio come funziona e come riconoscerlo. 

In Italia è stato identificato un nuovo virus informatico che sta colpendo in particolar modo i dispositivi Android, riuscendo a rubare i soldi che transitano su molte applicazioni utilizzate dalle vittime. Si tratta in realtà di una vecchia conoscenza per gli sviluppatori che lavorano per l’azienda di sicurezza informatica Kaspersky, che lo hanno scoperto una prima volta nel 2019 dandogli il nome di “Brata”. E adesso, secondo quanto rilevato dalla compagnia Cleafy Labs, questo virus, che sembrava essere presente solo in Brasile negli ultimi, ha raggiunto in questi giorni anche il vecchio continente. La truffa che mette in atto Braita consiste in un sms che arriva alla vittime e che sembra apparentemente provenire da una banca. 

Braita, come funziona la nuova truffa informatica

Nel messaggio si chiede con una scusa all’utente di cliccare sul link in allegato. E nel momento in cui non ci si accorge dell’inganno e si apre il link, si viene rimandati su un altro sito e il dispositivo inizia a scaricare in automatico un’applicazione denominata Antispam. Tramite questa app, il virus informatico inizia a registrare tutto quello che passa dal dispositivo con lo scopo di sottrarre i dati sensibili della vittima e accedere ai suoi fondi economici. 

Leggi anche: Bitcoin è panico: dimezzati e i computer quantistici potrebbero azzerarli

Leggi anche: Emergenza benzina, attenzione, rischio lavoro: le 3 armi per difenderci

Leggi anche: Rottamazione e saldo e stralcio: la libertà, i nuovi termini rimettono in pista

Inoltre, si sta rivelando un virus particolarmente sofisticato in quanto dopo aver svuotato i conti economici dell’utente, si occupa anche di cancellare l’intera memoria dello smartphone per non lasciare tracce del suo passaggio criminale.