Cessioni del credito: svolta, tornano multiple ma controllate, nuovo decreto

I partiti politici stanno lavorando a tappe forzate per sbloccare la delicatissima questione della cessione del credito che ha già parzialmente paralizzato i bonus casa.

I bonus casa stanno vivendo una fase estremamente critica e come sappiamo rischiano di bloccarsi del tutto. L’Ance lo aveva più volte pronosticato e sta succedendo.

Tutto deriva dal tetto massimo a una sola cessione del credito previsto per il 7 febbraio e poi slittato al 17 sempre di questo mese. Una norma durissima che ha già bloccato probabilmente più di metà dei cantieri italiani. Il Governo era inizialmente apparso molto fermo nel tenere in piedi questo decreto. Addirittura Poste Italiane aveva già eliminato la piattaforma per la cessione del credito.

Evitare il blocco

Insomma ormai i giochi sembravano davvero chiusi. Ma le forze politiche vogliono sbloccare i cantieri e vogliono evitare che tutta la macchina del bonus si fermi del tutto. Vediamo che cosa si prepara. E’ il Sole 24 Ore ad anticipare che l’esecutivo ha in mente di ripristinare la cessione dei crediti ma soltanto a determinate condizioni. Più che un limite alla cessione, insomma si prepara un limite agli istituti che potranno essere coinvolti.

Ecco come funzionerà

Dunque sarà di nuovo possibile cedere più volte i crediti ma rispettando alcuni paletti che mirano ad evitare truffe e frodi. Infatti sono i 4 miliardi di frodi emersi negli ultimi mesi ad aver convinto il governo a questa stretta che poi si è rivelata micidiale per i cantieri. Il governo sarebbe disponibile a togliere il tetto, ma gli istituti ai quali cedere i crediti dovrebbero essere pochi e sotto stretta vigilanza della Banca d’Italia. Già la prossima settimana potrebbe essere messo in campo questo decreto che 5 Stelle e Lega stanno chiedendo con grande forza.

Leggi anche: Bonus facciate inaspettato: termini e novità che devi conoscere ora

Leggi anche: Niente IVA se acquisti casa con questo bonus: sospiro di sollievo e proroga

Infatti sono proprio 5 Stelle e Lega a lavorare con maggiore intensità perché la stretta sulla cessione si evolva in un sistema di vigilanza più stretto ma che consenta di nuovo di cedere più volte i crediti. I cinque stelle sono notoriamente grandi fan dei bonus casa e la lega è stata fin da subito estremamente critica nei confronti di questa stretta. Con il nuovo decreto della settimana prossima che consentirà le cessioni soltanto in maniera vigilata potrà molto probabilmente riprendere la normale attività dei bonus casa e soprattutto delle cessioni multiple.