Il Pentagono sconvolge il mondo: Putin è pronto alla guerra atomica

Il conflitto in Ucraina è una delle pagine più brutte della storia recente. Ma ora il Pentagono gela tutti.

Le immagini di morte e di devastazione stanno sconvolgendo il mondo. Anche gli effetti sull’economia globale sono tremendi con rincari a tappeto di tutte le materie prime.

La gente ha paura perché si rischia di non trovare più il cibo nei supermercati e perché tante aziende possono fallire e la tensione in Europa è davvero palpabile.

L’economia mondiale è a pezzi

Secondo tanti economisti la crisi globale rischia di mandare l’Europa in recessione e si parla con sempre maggiore insistenza dell’istituzione di un reddito di base universale europeo perché troppi nel vecchio continente rischiano di non riuscire ad andare avanti. Ma proprio ieri è arrivata una dichiarazione pesantissima da parte di un alto esponente del pentagono. E’ la Defense Intelligence Agency (Dia) ovvero l’agenzia d’intelligence del Pentagono a fare la tremenda analisi. Secondo le loro fonti e le loro analisi Putin è pronto all’opzione più atroce, vale a dire la guerra nucleare. Secondo il pentagono Putin è stato sorpreso dalla tenace resistenza dell’Ucraina.

Putin isolato e senza prospettive

Il leader russo immaginava una sorta di guerra lampo che si sarebbe risolta in pochi giorni e senza particolari problemi. Invece il popolo ucraino sta resistendo in modo strenuo ma soprattutto la risposta occidentale è stata molto più dura di quella che Putin si aspettava.

Il durissimo embargo rischia di far finire in default la Russia e Putin non ci sta a soccombere in poche settimane. Insomma secondo il pentagono la guerra è decisamente sfuggita di mano al leader russo circondato ormai da collaboratori che sostanzialmente non lo approvano più e che considerano la guerra un pantano senza senso nel quale soltanto il popolo russo alla fine soffrirà.

Putin con le spalle al muro può usare il nucleare

La guerra delle sanzioni è troppo logorante per la Russia ed è praticamente una guerra persa in partenza per cui Putin sarebbe pronto ad utilizzare l’arma di deterrenza per antonomasia, vale a dire la potenza nucleare della Russia. La Russia è praticamente un paese fallito ma il suo spaventoso arsenale atomico fa paura e questa è l’ultima carta che Putin si può giocare e secondo il pentagono è molto vicino a giocarsela. Questa analisi dei vertici dell’intelligence americana è oggettivamente sconvolgente e getta una luce completamente diversa su questo conflitto che rischia di degenerare in maniera paurosa. Secondo loro questa linea sarà seguita da Putin se la guerra dovesse protrarsi troppo.