Caro benzina: lo sconto del Governo è in esaurimento, quanto la pagherai

Gli esperti lo annunciano chiaramente: sui carburanti ora arriva la nuova stangata.

Sempre più complesso lo scenario dei carburanti in Italia. Le famiglie non ce la fanno più a pagare queste cifre proibitive e le aziende minacciano di fermarsi.

Una schiarita era arrivata con il taglio delle accise promesso dal Governo ma come vedremo questo risparmio è stato di breve durata. Il Governo ha cercato di far tornare il sereno sui carburanti con il taglio delle accise a seguito delle polemiche.

Taglio delle accise: si sta già esaurendo

Le accise sono 19 mini tasse che il governo applica al prezzo dei carburanti e che nelle ultime settimane hanno suscitato vivaci polemiche.

Infatti noi italiani paghiamo i carburanti più di tutti gli altri proprio a causa delle accise e così il Governo pressato dall’opinione pubblica ha operato un taglio di €0,25 su ogni litro di diesel e benzina. È stata effettivamente una boccata d’ossigeno per gli automobilisti, ma è stata anche una boccata d’ossigeno di breve durata. Gli aumenti alla pompa di benzina sono continuati senza sosta e così già oggi lo sconto sulla benzina vale molto di meno.

Le nuove stangate sui carburanti

Secondo alcuni osservatori lo sconto di €0,25 si è già ridotto a €0,15 ma ci sono zone d’Italia nelle quali lo sconto sembra già esaurito. Questo infatti è uno sconto a tempo perché vale soltanto fino alla fine di aprile, ma in realtà gli effetti concreti dello sconto sono già agli sgoccioli perché nel frattempo a causa dell’inflazione e della crisi in Ucraina i prezzi hanno già ricominciato a salire. La guerra in Ucraina ed anche le dure speculazioni internazionali fanno salire i prezzi dei carburanti di giorno in giorno e per gli italiani si profila l’ennesima stangata. Eppure tanti Italiani anche in questo duro frangente stanno riuscendo a risparmiare.

Il trucco che dimezza i costi

Il trucco che tanti Italiani usano per ridurre drasticamente le spese dell’auto è quello del car sharing. Spopola tra gli italiani l’abitudine ormai di scaricare le app del car sharing e controllare se c’è qualcuno che fa il proprio stesso percorso. Facendo così si dividono le spese dell’auto e di conseguenza non si patisce più di tanto il caro benzina. Queste applicazioni si stanno diffondendo tantissimo, proprio perché ormai gli italiani sanno che il capitolo dei carburanti è un capitolo amaro e che i prezzi saliranno inesorabilmente a causa della guerra in Ucraina e della speculazione.