Benzina e diesel: Putin chiude i rubinetti ed i prezzi schizzano in alto

Allarme nel mondo dei carburanti: vediamo che cosa sta succedendo e perchè i prezzi sono previsti in rialzo.

La questione dei carburanti in Italia è davvero un problema per tante famiglie. Ricordiamo che la povertà sta esplodendo nel nostro paese e che quattro milioni di famiglie non riescono a pagare le bollette di luce e gas.

ANSA

I rincari sulla benzina sono tremendi e contribuiscono molto a questo stato di cose.

Diesel e benzina: perchè i prezzi possono esplodere

Purtroppo gli esperti vedono i prezzi in netto rialzo e le motivazioni sono molteplici. Innanzitutto il 2 maggio finisce il taglio sulle accise di diesel e benzina. Di conseguenza i carburanti faranno un netto scatto verso l’alto nei loro prezzi.

Pixabay

Il taglio delle accise avrebbe dovuto durare sino alla fine di aprile, ma poi è arrivata la mini proroga a i primi di maggio, ma ben poco cambia agli italiani. Ma stanotte è arrivata la terribile mossa a sorpresa di Putin che ha gelato l’Europa. Infatti Putin ha annunciato la chiusura dei rubinetti del gas russo a ben due paesi europei. La situazione così diventa molto più complicata. Innanzitutto per noi italiani c’è il timore di poter essere i prossimi ai quali Putin chiuderà il gas e questo significherà razionamenti e recessione economica.

Rialzo prezzi benzina e diesel

Ma oltre a questo allarme c’è anche quello sui carburanti. La crisi del gas sarà un vero terremoto nell’economia europea e c’è il forte rischio che la speculazione spinga fortemente al rialzo anche diesel e benzina. D’altra parte il rischio di aumenti è forte anche per altri motivi. Le pressioni speculative sono sempre all’opera per alzare i prezzi delle materie prime energetiche ed i paesi produttori di petrolio hanno lanciato un messaggio chiaro. I paesi produttori di petrolio: l’Opec+ a più riprese ha dimostrato di non essere disponibile ad un aumento della produzione di greggio.

La stangata al distributore

Insomma gli italiani possono prepararsi alla doppia stangata al distributore. Da una parte la fine del taglio sulle accise e dall’altra le speculazioni che spingeranno i prezzi anche a seguito della ritorsione di Putin. Ma attenzione però perchè molti italiani per risparmiare sul gasolio stanno usando oli alimentari e non alimentari al posto del diesel. Non fatelo, perchè si rischia di rovinare il motore e si rischiano anche salate multe.