Truffa del supermercato: “non ci fideremo più” tanti clienti con i conti svuotati

Parlare di supermercato in questo periodo è sicuramente toccare un tasto molto dolente per le famiglie italiane.

Infatti fare la spesa diventa sempre più difficile per gli italiani e il continuo aumento dei prezzi dovuto all’inflazione e alla guerra sta mettendo in seria difficoltà tanti nuclei familiari.

EPA/MAXIM SHIPENKOV/ANSA

Gli incrementi ormai sono su tutto e di alcuni generi alimentari addirittura si parla in termini di razionamenti.

La terribile truffa

Infatti per alcuni generi alimentari la scarsità è talmente tanta che potrebbero partire anche degradazione menti sul modello di quelli partiti in Spagna.

Pixabay

Ma oltre al problema del prezzo del cibo che diventa sempre più proibitivo adesso arriva anche una terribile truffa che rischia di mettere nei guai tanti Italiani e che purtroppo ha già mietuto delle vittime. Ovviamente gli italiani in questo periodo fanno di tutto per risparmiare sulla spesa tanto che spesso finiscono per scegliere addirittura cibi di scarsa qualità pur di contenere i costi. Gli autori di questa truffa puntano proprio su questo, cioè sulla giusta volontà degli italiani di fare economia e di spendere il meno possibile in questo periodo.

Come funziona la frode

Questa truffa del supermercato che purtroppo si sta diffondendo notevolmente, ruota attorno ad un bonus che alcune catene di supermercati starebbero mettendo a disposizione dei loro clienti. Il comunicato che si può leggere sui social network e che sta girando anche su WhatsApp parla appunto di buoni spesa dal valore davvero notevole. Per aggiudicarsi questi buoni spesa basta rispondere ad un sondaggio on-line e poi pagare un piccolo contributo di spese di spedizione.

Ecco cosa evitare

In effetti buoni spesa di grande valore per il piccolo fastidio di rispondere ad un semplice questionario sono decisamente una proposta allettante ma si tratta semplicemente di una truffa. I supermercati citati in questi comunicati sono assolutamente estranei ai fatti e sono parti lese esattamente come i consumatori truffati. Infatti lo scopo della truffa è proprio quello di far pagare alle vittime questo piccolo contributo di spese di spedizione del buono in modo tale da carpire i dati della loro carta di credito. Dunque se vediamo questo comunicato è molto importante non crederci. Annunci di questo genere stanno circolando anche relativamente alla benzina ed a varie note aziende alimentari. Importante non cliccare sui link ed evitare queste frodi insidiose. Ma anche importante non condividerle con i contatti.