La crisi del grano annuncia la carestia globale e alcuni cibi spariranno dal supermercato

La guerra in Ucraina sta avendo un impatto durissimo sul mercato del grano.

E gli esperti parlano con sempre maggiore convinzione di carestia globale.

LI J.NALTCHAYAN / ANSA

Bisogna infatti sottolineare che Russia e Ucraina insieme generano il 28% del grano mondiale. Putin per ritorsione contro i paesi della NATO ha messo un vero e proprio blocco sull’export di grano ed infatti il prezzo di questa materia prima importantissima si sta impennando in tutto il mondo.

Guerra del grano

L’India che è un altro grande produttore di grano ha imposto anche suo blocco all’export di questa materia prima.

Pixabay

Di conseguenza trovare il grano sui mercati internazionali diventa sempre più difficile. D’altro canto questo fondamentale alimento diventa anche sempre più caro. Per gli italiani il rischio concreto è quello che i prodotti derivanti dal grano come pane, pasta, biscotti, fette biscottate, ecc. aumentino sempre più di prezzo. Già questi alimenti hanno fatto registrare notevoli incrementi, ma con questo vero e proprio blocco mondiale del grano il rischio di aumenti è ancora maggiore. D’altra parte la crisi del grano sta letteralmente affamando tantissimi paesi del mondo.

Fame nei paesi del terzo mondo e rischi per l’Italia

Si stima che addirittura 53 paesi concentrati soprattutto in Africa e Medio Oriente siano a forte rischio fame a causa della penuria del grano. La penuria del grano, figlia della guerra in Ucraina può essere semplicemente il primo capitolo di quella carestia globale della quale tanto si sta parlando. Gli effetti sui consumatori italiani sono veramente ad ampio spettro. Infatti non solo il cibo costerà sempre di più ma in generale l’inflazione tenderà ad essere rinforzata da questa situazione. Inoltre la crisi del grano rende sempre più probabile lo spettro dei razionamenti. Da tempo ormai si parla della possibilità che il cibo venga razionato ed in Spagna i razionamenti del cibo sono già cominciati.

L’ipotesi dei razionamenti del cibo

Attualmente in Italia abbiamo visto semplicemente un aumento marcato del costo di alcuni cibi ma l’ipotesi dei razionamenti diventa più concreta. La carestia globale è un evento da non sottovalutare e numerosi indicatori internazionali sottolineano come sia già iniziata. Purtroppo attualmente nessun vero intervento sembra esserci contro questa emergenza e si prevede una vera e propria impennata delle migrazioni dai paesi poveri sempre più a corto di cibo.