Addio prelievi: il bancomat va in ferie per sempre, come dovrai fare ora

Il bancomat è in via di sparizione e gli utenti dovranno abituarsi a nuove modalità.

Vediamo che cosa sta succedendo e che cosa cambia. Quando il Bancomat è arrivato nelle vite degli italiani, alcuni decenni fa, appariva come una novità tecnologica e sensazionale.

ANSA/ UFFICIO STAMPA/ CARABINIERI

L’idea di poter fare alcune comune operazioni bancarie senza neanche entrare in banca sembrava incredibile.

Addio al bancomat ormai obsoleto

Ma oggi anche il bancomat diventato obsoleto e vediamo perché è necessario che sparisca.

Pixabay

Innanzitutto è importante capire che a volere la spedizione del bancomat è proprio il governo ma non è soltanto lui. Infatti per il governo il bancomat rappresenta un nemico giurato. Ciò perchè è proprio il bancomat che consente la continua circolazione di denaro contante che favorisce l’evasione fiscale. Infatti l’evasione fiscale è possibile grazie al denaro contante ma finché esisteranno i bancomat per il governo sarà impossibile toglierlo di mezzo.

Come sarà sostituito e perchè non va più bene

Dunque il governo preme perché i bancomat siano progressivamente chiusi. Infatti i bancomat in Italia sono sempre di meno e ci sono piccoli paesi nei quali non c’è più neppure un bancomat. Dunque si tratta di un processo che va avanti in modo piuttosto spedito. Ma a non gradire più i Bancomat sono anche le stesse banche. Infatti le banche oltre a tagliare le filiali fisiche per risparmiare tagliano anche il bancomat e ne vengono chiusi continuamente. Mantenere il Bancomat è costoso e le banche non vogliono più farlo. Il bancomat sarà ben presto sostituito progressivamente dai pagamenti digitali e tracciabili.

Sanzioni e novità, occhio alla multa

Già molti italiani si sono abituati a questi pagamenti ma per molti altri dire addio al bancomat e al contante richiederà più tempo. Proprio per questo la spedizione del bancomat è comunque graduale ma avviene anche con grande determinazione. Ma già iniziano a fioccare le sanzioni per chi non sia adegua alla transizione. Per esempio già da luglio il commerciante che dovesse rifiutare il pagamento con carta e bancomat e pretendere il contante sarà multato. Insomma la rivoluzione è già in atto.