Pagamento con carta e bancomat in negozio: allarme, se non stai attento te la prosciugano, nuova insidia

Il pagamento con carta o bancomat è sempre più diffuso e dal primo luglio scatta la stretta che lo rende ancora più inevitabile.

Eppure ci sono tanti rischi quando si paga in negozio con carta o bancomat ed è meglio conoscerli bene.

ANSA/UFFICIO STAMPA CARABINIERI

Il pagamento con carta o bancomat è sempre più diffuso tra gli italiani. Molti italiani trovano comodo pagare in questo modo e non portare con sé il contante.

In negozio ti possono prosciugare carta o bancomat

Il governo sta fortemente incentivando il pagamento con carta o bancomat perché è tracciabile.

Pixabay

Ma se la tracciabilità del pagamento con carta o bancomat fa piacere al governo perché così si evita l’evasione fiscale, questi strumenti sono anche forieri di pericoli. Utilizzare carta e bancomat espone ad un notevole rischio truffe ma vediamo che cosa succede dal primo luglio. Dal primo luglio nessun commerciante potrà rifiutare il pagamento con carta o bancomat. Fino ad oggi il commerciante poteva rifiutare questo tipo di pagamento digitale e pretendere quello in contanti. Ma dal primo luglio per scoraggiare l’evasione fiscale questo non sarà possibile e il commerciante che dovesse pretendere il contante sarà anche sanzionato.

Ecco come fanno a derubarti su carta e bancomat

Eppure utilizzare carta e bancomat può essere anche pericoloso. Innanzitutto ci si può sbagliare quando si digitano gli importi e pagare una cifra più elevata di quella dovuta. Sono tanti, infatti italiani che purtroppo sbagliano al momento del pagamento. Digitare una cifra sbagliata significa pagare un importo maggiore e se non si accorge subito dell’ errore può essere un danno. Ma c’è un’altra insidia. Infatti i pagamenti entro i €50 con i sistemi contactless non hanno bisogno di essere autorizzati dal codice PIN.

Come difendersi

Dunque se qualcuno nel negozio o magari in un altro luogo avvicina un POS ad una carta contactless può far partire un pagamento entro i €50 senza che l’utente se ne renda conto e senza che debba autorizzarlo. Decisamente un grosso rischio per questi pagamenti digitali contactless. Ma come difendersi da questo rischio? La cosa importante è non avvicinare la carta contactless a dispositivi di vario genere e quando la si tiene nel portafogli stare attenti che il proprio portafogli sia uno di quelli dotati di filtro di sicurezza per evitare pagamenti contactless non autorizzati.