L’austerità europea rischia di far tornare l’euroscetticismo, chi rimpiange la lira

L’Unione Europea vara una politica di fortissima austerità. Per ora non c’è niente di ufficiale ma con lo scudo anti-spread sicuramente all’Italia saranno chieste misure dure.

La Banca Centrale Europea per arginare l’inflazione è costretta ad aumentare i tassi. L’aumento dei tassi insieme alla turbolenza politica italiana ha fatto impennare lo spread.

Pixabay

La Banca Centrale Europea offre un aiuto all’Italia sul fronte dello spread ma in cambio vuole rigore.

Rigore europeo ed insofferenza degli italiani

Sono soprattutto i tedeschi e chiedere rigore per quanto riguarda i conti italiani.

Pixabay

I conti italiani appaiono troppo problematici e così i tedeschi ed altri in Europa pretendono che se l’Italia dovrà essere aiutata con uno scudo antispread in cambio dovrà rimettere i conti in ordine. Questo molto probabilmente significherà aumento delle tasse e taglio degli aiuti sociali. Già oggi i bonus italiani sono molto criticati in Europa. Ma se l’Europa dovesse aiutarci con lo scudo antispread molto probabilmente le tasse dovrebbero inasprirsi e anche gli aiuti sociali dovrebbero essere tagliati.

Spese sociali tagliate e tensione sociale

Quasi certamente il reddito di cittadinanza sarà fortemente ridimensionato se non proprio cancellato col nuovo governo di centrodestra. Ma se l’Europa dovesse chiedere rigore anche tanti altri aiuti sociali potrebbero venire meno. Con la recessione incombente e con le bollette in continuo aumento tagliare gli aiuti sociali potrebbe essere una vera e propria bomba sociale per il paese. Molti analisti sostengono che tutto questo potrà soffiare fortemente sul fuoco dell’euroscetticismo.

Euroscetticismo

Già oggi in Italia tanti accusano l’Europa a torto o a ragione dell’attuale situazione del nostro paese. Tanti rimpiangono la lira e sostengono che senza l’euro la situazione italiana potrebbe essere molto migliore. Se effettivamente l’Europa chiederà politiche di forte rigore all’Italia non è escluso che si ricominci a parlare di Italexit come qualche anno fa. Al momento nessun grande partito politico italiano sta cavalcando questo tipo di protesta. Ma se la tensione sociale dovesse salire troppo non è escluso che possa avvenire.