Il Bonus 200€ agosto lo erogano i Comuni alle famiglie con ISEE basso, dono forte

Il Bonus 200 euro ha molto deluso gli Italiani. Infatti c’era chi si aspettava che questo bonus potesse tornare per due o cinque mesi.

Ma il Governo ha deciso di premiare solo i dipendenti ed i pensionati. Tutte le altre categorie fragili restano così senza una protezione contro il carovita.

ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Era normale aspettarsi una proroga del bonus per tutti visto che sono tutte le famiglie italiane ad essere colpite dai terribili aumenti.

I Comuni aiutano le famiglie con ISEE basso

I comuni italiani si rendo conto del dramma del carovita e mettono in campo aiuti sociali proprio per le famiglie con figli ed isee basso.

Pixabay

Vediamo che succede. Mentre il governo con il decreto aiuti bis di agosto ha deciso di premiare solo i dipendenti e i pensionati, cioè chi comunque un’entrata ce l’ha, dai comuni arrivano aiuti pensati proprio per le famiglie più in difficoltà. Vediamo come i comuni aiutano le famiglie con ISEE basso. 

Gli aiuti più concreti arrivano dai comuni

Infatti i comuni italiani erano voucher entro i primi sei anni di vita del bambino per acquistare i beni di prima necessità per la famiglia. Questi voucher di circa 200 euro sono erogati in modo del tutto autonomo da ogni comune. Vediamo come funzionano. Innanzitutto le cifre possono variare: questi voucher sociali possono valere anche meno o più dei 200 euro. Poi il comune è assolutamente autonomo anche nello scegliere le soglie ISEE e le condizioni per accedere agli aiuti sociali. Insomma essendo aiuti di tipo sociale e locale per le famiglie con figli questi voucher sociali sono molto variabili. 

Come chiederli e cumulabilità

IN questo periodo sono proprio le famiglie più fragili e con ISEE basso ad avere le maggiori difficoltà e dunque sono proprio queste famiglie a dover verificare sul sito del proprio comune i paletti per poter accedere agli aiuti sociali in forma di voucher per le famiglie con ISEE basso. Tra l’altro questi aiuti sono sempre cumulabili con i buoni spesa e con l’assegno unico universale. Infatti da quando c’è l’assegno unico universale tutti gli altri aiuti per le famiglie con figli a carico sono spariti.