Il Governo Meloni potrebbe essere costretto a misure fortemente sociali se scoppia la bomba povertà

In autunno ci sarà il prossimo governo di centrodestra.

Infatti tutti i sondaggi danno come favorita alle prossime elezioni proprio la coalizione di centro-destra e sarà proprio Giorgia Meloni ad essere molto probabilmente il nuovo presidente del consiglio.

Pixabay

Giorgia Meloni e la coalizione di centro-destra non si sono dimostrati particolarmente sensibili alle tematiche sociali. Al centro del loro programma infatti c’è un abbassamento delle tasse per le imprese.

Scelte sociali

Dunque la coalizione di centrodestra non sembra essere particolarmente sensibile al tema degli strumenti di contrasto alla povertà.

Pixabay

Più volte i leader di centro-destra hanno sottolineato che secondo loro l’unica vera via per contrastare la povertà e la creazione di nuovo lavoro. Tuttavia il paese probabilmente sta per entrare in recessione economica. Molti dati fondamentali dell’economia ci dicono questo. La recessione economica nei prossimi mesi è piuttosto probabile per il nostro paese. Le cause sono molteplici ma un ruolo molto forte è stato giocato anche dall’inflazione e dalla vera e propria esplosione dei costi energetici a causa dell’inflazione a carico di famiglie e anche delle imprese.

Il forte problema della povertà

Ma con un paese che sta per entrare in recessione economica appare piuttosto pericoloso e problematico non approntare strumenti di contrasto della povertà. Infatti dal 2005 a oggi tantissime famiglie italiane sono finite in povertà e addirittura il numero degli italiani povertà assoluta è triplicato. Anche se sui media se ne parla pochissimo oggi addirittura una famiglia italiana su 12 è in condizioni di povertà assoluta. Anche se gli aiuti sociali non sono al centro del programma di centrodestra potrebbero anche diventarlo di forza.

Tensioni sociali

Infatti l’eliminazione del reddito di cittadinanza promessa dai partiti di centro-destra potrebbe scatenare forte tensioni sociali specialmente in un momento in cui le bollette aumentano continuamente e il costo della vita diventa insostenibile. Se davvero il paese dovesse entrare in recessione il governo di centro-destra potrebbe essere costretto dagli eventi ad introdurre misure sociali anche più forti di quelle che ci sono adesso. Il Fondo Monetario Internazionale ha previsto per l’Italia il rischio di disordini sociali.. questo non sorprende se pensiamo a quanto le famiglie italiane siano attualmente in sofferenza economica. Dunque il prossimo governo sicuramente punta tutto sul rilancio delle imprese ma se la recessione dovesse davvero colpire duramente, probabilmente i sostegni come il reddito di cittadinanza potrebbero diventare preziosi e ritornare di forza.