Bonus Mobili: ricco sconto del 50% e €5000 subito, famiglie corrono perché ora scade a dicembre

Il bonus mobili e grandi elettrodomestici è sicuramente una grandissima occasione di risparmio per le famiglie italiane ma bisogna anche sbrigarsi perché finisce con la fine del 2022.

Il bonus mobili e grandi elettrodomestici è uno dei bonus sicuramente più richiesti dalle famiglie italiane.

ANSA/TINO ROMANO Tino Romano

In questo periodo il superbonus 110%, e il bonus facciate sono decisamente nell’occhio del ciclone perché sicuramente il governo Draghi non li ama. Tuttavia il bonus mobili ed elettrodomestici si può sicuramente richiedere fino alla fine dell’anno e quindi le famiglie si stanno precipitando a richiedere questo bonus così ricco ed importante.

Ricco e conveniente

Vediamo come funziona questo bonus e come richiederlo.

Pixabay

Chiunque voglia sfruttare il bonus mobili e grandi elettrodomestici deve sapere che può applicarlo ad un massimo di spese di 10.000€ di spesa sui mobili e sui grandi elettrodomestici che saranno rimborsati al 50% dallo Stato. Tuttavia gli acquisti agevolabili sono tutti quelli fatti fino al 31 dicembre 2022. Quindi per tutti gli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici ci sarà una detrazione IRPEF in 10 anni pari al 50% di tutto quello che è stato speso. Però è importante capire che se per quanto riguarda i mobili non esiste nessun limite e nessun paletto, per quanto riguarda gli elettrodomestici invece dovranno essere elettrodomestici di una alta classe energetica.

Come ottenerlo

Infatti i grandi elettrodomestici acquistati con il bonus dovranno consentire all’appartamento di diventare più ecologico e quindi di avere anche un minore impatto sulla bolletta. Quindi la cosa positiva del bonus mobili e grandi elettrodomestici è che non solo offre 5.000 euro per acquistare il nuovo arredamento di casa ma consente anche di avere elettrodomestici più ecologici e quindi di attenuare la stangata delle bollette dell’energia elettrica. Per avere il bonus mobili e grandi elettrodomestici la casa deve essere stata oggetto di ristrutturazione.

Scadenza e limiti

Ma in alcuni casi le ristrutturazioni devono essere veramente minime come per esempio l’aggiunta di un condizionatore con pompa di calore. E’ l’Agenzia delle Entrate a fissare tutti i paletti a riguardo. Per chi non dovesse fare in tempo per dicembre 2022 c’è da sottolineare come il bonus mobili non sparisca del tutto nel 2023 ma diventi molto meno conveniente. Infatti al posto di poter avere €5.000 per ogni appartamento sia avranno soltanto 2.500€. E’ importante sottolineare come per questo bonus non ci sia la possibilità di cessione del credito e sconto in fattura.