Il Governo ti eroga €480 (ma si può raddoppiare) contro il carovita ma solo per gli acquisti fondamentali, gioia

Il governo scende in campo al fianco delle famiglie perché con questa durissima inflazione andare avanti sta diventando difficilissimo e sono soprattutto le famiglie più fragili ad avere paura di non riuscire a farcela.

Mentre le famiglie continuano a chiedere con forza il reddito di base universale che però purtroppo il governo non sembra voler concedere, arrivano notizie confortanti in merito a degli aiuti sociali per far fronte proprio alle spese di tutti i giorni.

ANSA

Infatti ormai tantissime famiglie hanno difficoltà ad affrontare anche le spese più banali della vita e così dal Governo arrivano ben due aiuti che possono fare la felicità davvero di tante famiglie.

Gli aiuti per le spese più fondamentali

Il primo aiuto è piuttosto noto e sono i famosi buoni spesa ma l’altro aiuto può essere forse ancora più concretamente utile e si può facilmente anche raddoppiare.

Pixabay

I buoni spesa sono una cifra erogata dal governo ma poi distribuita alle famiglie direttamente dai comuni. Infatti il governo invia un certo budget a tutti i comuni italiani e poi sono i comuni italiani a distribuire direttamente i soldi alle famiglie più in difficoltà. Infatti ogni comune fissa un tetto ISEE al di sotto del quale la famiglia può richiedere il buono spesa. Di conseguenza tutte le famiglie che si trovano al di sotto di quell’ISEE potranno richiedere il bonus spesa che oscilla da 300-500 euro a seconda del bando previsto dal Comune.

L’aiuto da 480 euro

Ma il Governo eroga anche 480 euro tutte le famiglie che siano in difficoltà economiche. Questi 480 euro sono erogati attraverso la misura della famosa Social Card. La Social Card eroga 480 euro alle famiglie con i figli entro i 3 anni ma anche chi abbia più di 65 anni. Ovviamente ci sono anche precisi limiti reddituali. Però se si hanno più figli al di sotto dei tre anni oppure nel caso dei gemelli, la Social Card può essere anche richiesta più volte e quindi offrire un aiuto molto più concreto al nucleo familiare. Quindi se si hanno più figli e questo capita soprattutto nel caso dei parti gemellari, questo aiuto va richiesto più volte e così al mese si può arrivare ad avere 80 euro, ad esempio, nel caso di due gemelli.