Fringe benefit: l’innovativo bonus per le bollette fino a €3000, ti conviene chiederlo, aiuto forte e serve ora

Nel decreto aiuti quater c’è una interessante novità che può aiutare proprio le famiglie italiane sul fronte delle bollette.

E parliamo di un bonus clamoroso che può arrivare fino a €3000.

ANSA: Bonus bolletta in busta paga

Come sappiamo la stangata sulle bollette di luce e gas è stata fortissima e nel 2023 le famiglie italiane potrebbero arrivare a pagare mediamente circa 3.500 euro proprio tra luce e gas.

Un bonus senza precedenti da 3000 euro

Questo significa che un bonus da €3000 sul conto andrebbe praticamente a neutralizzare tutte le bollette dell’anno prossimo.

Pixabay

Quindi cerchiamo di capire che cosa sta facendo il governo per quello che riguarda i bonus sulle bollette. Innanzitutto sono sempre attivi i bonus sociali voluti dal governo Draghi. Infatti è stato proprio il governo draghi a creare i bonus sociali sulle bollette. Ma attualmente il bonus sociale lo possono prendere soltanto le famiglie che hanno un ISEE entro i 12.000€. Invece a quanto pare dall’anno prossimo l’ISEE sarà aumentato addirittura a 15.000 euro. Anche se ci sarà l’aumento dell’isee comunque sia potranno sempre continuare a beneficiare del bonus sulle bollette i beneficiari di reddito e di pensione di cittadinanza e anche le persone legate alle macchine salvavita energivore.

Come ottenere il bonus in busta paga

Ma adesso si parla anche di questo vero e proprio bonus da €3000 sulle bollette. Il fatto è che le bollette sono aumentate veramente tantissimo e nel solo mese di ottobre sono aumentate del 60%. Con tante famiglie che non riescono a pagare questi altissimi costi di luce e gas non stupisce che il governo debba mettere in campo aiuti senza precedenti. La ministra del lavoro Calderone ha definito questi bonus da €3000 sulle bollette un’integrazione delle tredicesime. Sostanzialmente i datori di lavoro potranno erogare fino a €3000 di bonus senza pagare tasse e imposte.

Ecco come funziona

Il datore di lavoro deve concedere questo bonus entro dicembre 2024 in aggiunta alla normale retribuzione. Il vantaggio per il datore di lavoro è che questi tremila euro sono completamente esentati dalle tasse e di conseguenza si tratta di €3000 che entrano nelle tasche del lavoratore ma che ha il datore di lavoro non costano nemmeno un centesimo in più dal punto di vista fiscale. Inizialmente questo bonus per le bollette era già stato erogato dal governo Draghi ma valeva solo 600 euro. E’ stato proprio l’ultimo decreto varato dal governo Meloni ad aver aumentato fortemente la cifra fino a 3.000 euro ed il vantaggio più grande ovviamente è proprio per i dipendenti privati che oggi possono beneficiare di questa cifra così forte. Ovviamente resta sempre salvo il principio per cui il datore di lavoro su questa cifra non paga tasse.