Assegno dall’Agenzia delle Entrate per eredi e vedovi: domanda entro e non oltre il 31 maggio

Eredi e vedovi devono fare tutto per tempo per non perdere la cifra dall’Agenzia delle Entrate. Ecco come funziona.

Un periodo di intenso lavoro per l’Agenzia delle Entrate che deve confrontarsi con tante scadenze fiscali a distanza ravvicinata. Una questione rilevante riguarda anche eredi e vedovi. Quando muore una persona cara è una batosta per chi rimane perché non soltanto c’è il dolore ma ci sono anche innumerevoli incombenze da portare avanti a breve termine.

Eredi e vedovi possono avere i crediti del defunto
Eredi e vedovi devono rispettare i termini per richiesta assegni – ilovetrading.it

L’Italia è il paese della burocrazia e quando muore qualcuno non ci sono sconti, anzi entro dodici mesi bisogna presentare la dichiarazione di successione. Se ci sono errori e omissioni, eredi e vedovi saranno sanzionati. Dovranno anche presentare la dichiarazione dei redditi se chi non c’è più fosse tenuto ad inviarla. Se il familiare deceduto nel 2022 ha percepito redditi da lavoro dipendente, pensioni o redditi da fabbricati c’è bisogno di presentare la dichiarazione precompilata.

Dichiarazione dei redditi e cifre da non perdere: occhio alla burocrazia

Dunque oltre ai lavoratori dipendenti e ai pensionati c’è l’obbligo della dichiarazione dei redditi anche in generale per i soggetti deceduti entro il 30 settembre 2023. Gli eredi devono utilizzare il modello redditi PF. L’Agenzia delle Entrate con un comunicato del 18 aprile ha chiarito che dal 2 maggio viene messa a disposizione la famosa precompilata. Dall’11 Maggio i contribuenti possono modificarla e inviarla. Ricordiamo che modificare la precompilata è importante se si ritrovano delle anomalie perché potrebbero arrivare delle sanzioni.

Soldi per eredi e vedovi: come fare
Assegno eredi e vedovi, richiesta entro 31 Maggio – ilovetrading.it

Per chi fa la dichiarazione dei redditi entro il 31 maggio, il Fisco invierà il rimborso fiscale di tutte le spese detraibili. Questo vale anche per gli eredi. Gli eredi e i vedovi possono recuperare deduzioni e detrazioni fiscali del defunto. Se chi è venuto a mancare ha sostenuto, ad esempio, delle spese sanitarie nel 2022, gli eredi possono recuperarle con la dichiarazione dei redditi.

Abilitazione come erede direttamente online

Dall’anno scorso è possibile ottenere la propria abilitazione come erede direttamente on-line proprio per facilitare la vita a chi si trovi in questa complessa situazione. Il contribuente può farsi abilitare inviando una richiesta firmata tramite PEC. Se c’è un credito d’imposta l’Agenzia lo può accreditare sul conto corrente.

Queste semplificazioni online rendono la vita degli eredi un po’ più semplice? Secondo gli esperti non molto. Utilizzare i servizi online è complesso e cercare di destreggiarsi nelle tante cose da fare quando viene a mancare la persona cara è difficoltoso. Da tempo si parla di una semplificazione degli iter che scattano quando qualcuno viene a mancare ma non si è mai visto nulla di concreto.

Impostazioni privacy