Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Stipendi, attesi grandi cambiamenti nel 2024: cosa aspettarsi

Foto dell'autore

Giulia Belotti

Grandi novità per quanto riguarda gli stipendi a partire dai primi mesi del prossimo anno. Ecco cosa dovremo aspettarci.

Sono mesi di grande fermento per quanto riguarda gli stipendi, in Italia. Il governo di Giorgia Meloni, così come aveva promesso, ha attuato un taglio del cuneo fiscale che ha garantito ai lavoratori un aumento dal 2% al 6% per chi ha un reddito fino a 35mila euro e dal 3% al 7% per chi ha un reddito fino a 25mila euro. Da gennaio, però, potrebbe cambiare tutto.

Stipendi, a gennaio cambia tutto
Stipendi, a gennaio cambia tutto: ecco cosa succederà (ilovetrading.it)

A gennaio, infatti, il governo guidato da Giorgia Meloni sarà alle prese con la nuova Legge di Bilancio e, di conseguenza, si toccherà di nuovo il tema degli stipendi e delle pensioni. Se da un lato molti analisti prevedono che si abbasseranno le percentuali del taglio del cuneo fiscale, dall’altro alcune introduzioni potrebbero aiutare gli italiani: ecco cosa dovremo aspettarci.

Stipendi, tutte le novità a partire da gennaio

L’attuale esecutivo, a livello economico, ha come obiettivo il raggiungimento della flat tax entro la fine della legislatura. Di fatto, è un reale stravolgimento della tassazione poiché, al momento, l’articolo 53 della Costituzione Italiana parla esplicitamente di progressività delle tasse. Con la flax tax, invece, ci sarebbe una tassa piatta ed uguale per tutti. Prima di arrivarci, però, il governo deve passare attraverso numerosi step intermedi, tra cui la revisione delle aliquote Irpef e dei relativi scaglioni.

Stipendi, a gennaio cambia tutto
Stipendi, a gennaio cambia tutto: ecco cosa succederà (ilovetrading.it)

A partire da gennaio, infatti, sembra che il governo voglia ampliare la prima fascia di reddito, così da far rientrare in questa molti più lavoratori di quelli che vi sono attualmente. Per la seconda e la terza fascia di reddito, invece, si prevede un accorpamento, mentre rimane invariata l’ultima fascia. Di fatto, quindi, si passerebbe a un sistema a tre: il primo, con un’aliquota del 23%, per chi ha un reddito fino a 15mila euro; il secondo con un’aliquota del 27% per chi ha un reddito tra i 15mila e i 50mila euro e il terzo, con il 43%, se si superano i 50mila euro.

Di fatto, però, a beneficiare di queste modifiche sarebbero solo le persone che hanno un reddito compreso tra i 28mila euro e i 50mila euro, che oggi si trovano a pagare un Irpef del 35% e che invece si troverebbero a pagare il 27%. La situazione è quindi in gran fermento e da gennaio molte cose potrebbero cambiare: noi vi terremo aggiornati.

Impostazioni privacy