Messi pagato tanto, ma in fan token. Paradossalmente ci guadagnano anche i tifosi

Come sappiamo Messi è entrato nell’orbita del Paris Saint-Germain e il suo contratto ha fatto scalpore. Intendiamoci, è un contratto molto ricco ed è in linea con le qualità indiscutibile del campione. L’arrivo di Messi nella squadra francese ha alterato gli equilibri del calcio europeo e non solo.

(Photo by Marcelo Endelli / Getty Images)

La prossima stagione del Paris Saint-Germain si annuncia con una stagione di fuoco e chiaramente Messi giocherà un ruolo cruciale. I 40 milioni che percepirà per ognuna delle due stagioni del contratto dimostrano quanto la squadra francese tenga al fuoriclasse. Ora giunge una notizia un po’ particolare. Il campione sarà pagato 40 milioni, ma parte di questa cifra non sarà in euro bensì nella criptovaluta della squadra francese.

Ingaggio virtuale

Criptovalute
Criptovalute

Ma che cosa vuol dire concretamente? Tutto ruota attorno alla piattaforma socios.com . Se non la conoscete, imparate a familiarizzare con questa piattaforma perché praticamente tutte le squadre di calcio del vecchio continente hanno già fatto contratti con con lei o li stanno per fare. Praticamente Socios crea criptovalute per ogni squadra. Il Paris Saint-Germain è stata proprio un’apripista dei cosiddetti fan token, criptovalute coniate dalla squadra in collaborazione con Socios. Ma che cosa sono questi fan token ed è convenuto a Messi essere pagato in questa valuta?

Leggi anche: Il gamer è una professione che crea star e lauti guadagni

I fan token del Paris saint-germain sono ormai un qualcosa di consolidato per i tifosi che li vendono li comprano e alle volte ci guadagnano anche un bel po’. Sicuramente l’arrivo di Messi ha fatto felici i tifosi per due motivi.

Leggi anche: Quando navighi regali le tue informazioni ai siti. Così puoi farti pagare

Prima di tutto la squadra è diventata oggettivamente molto più forte. Ma poi c’è un altro motivo. Cioè il valore dei fan token della squadra francese è globalmente cresciuto tanto e ha superato gli 1,2 miliardi di dollari. Calcio in crisi sì, ma le idee per monetizzare non mancano.